Scritto: Giovedì, 29 Ottobre 2020 09:20 Ultima modifica: Giovedì, 29 Ottobre 2020 12:38

OSIRIS-REx stiva i campioni...


Il braccio meccanico della sonda ha posizionato il cestello con i campioni di Bennu all'interno della capsula destinata a portarli sulla Terra.

Rate this item
(1 Vote)
Due immagini TAGCAMS/StowCam riprese il 27 Ottobre Due immagini TAGCAMS/StowCam riprese il 27 Ottobre Credit: NASA/Goddard/University of Arizona/Lockheed Martin

 L'altroeri, con un anticipo di 6 giorni rispetto ai piani iniziali, la sonda OSIRIS-REx ha posizionato con successo la testa del collettore di campioni nella "Sample Return Capsule" (SRC). La prima immagine mostra la testa del collettore che passa sopra l'SRC, dopo che il braccio TAGAM (Touch-And-Go Sample Acquisition Mechanism) lo ha spostato nella posizione corretta per l'aggancio, la seconda immagine mostra la testa del collettore fissata sull'anello di cattura nella SRC. Entrambe le immagini sono state catturate dalla telecamera StowCam.

 Il motivo per cui l'operazione è stata anticipata con molta fretta è legato, come abbiamo raccontato, alla scoperta di una "falla" in uno strato protettivo di mylar sul collettore; il foglio è stato danneggiato in maniera imprevista dalla potenza del getto di azoto che ha spinto con una certa violenza i campioni di superficie dentro il cestello collettore del campionatore, la struttura a "ciambella" che, secondo stime approssimative visuali, potrebbe contenere ben 400 grammi di materiale raccolto contro il minimo di 60 grammi prefissato; il quantitativo di detriti persi a causa della falla, dopo il prelievo di 9 giorni fa, è stimato invece in una decina di grammi soltanto. Si tratta di stime ufficiose che purtroppo non è stato possibile confermare rigorosamente, tramite una apposita manovra di misura della variazione del momento d'inerzia da realizzare tramite una rotazione, 4 giorni dopo la raccolta del campione; la manovra, infatti, è stata cancellata per evitare ulteriori, massicce perdite di materiale.

 Dopo che la testa del collettore era stata sistemata nell'anello di cattura dell'SRC, la sonda ha poi eseguito un "controllo di backout", che ha comandato al braccio TAGSAM di uscire dalla capsula. Questa manovra è progettata per tirare sulla testa del collettore e garantire che i fermi – che mantengono la testa del collettore in posizione – siano ben fissati. Dopo il test, il team di missione ha ricevuto dati di telemetria che confermano che la testa è adeguatamente protetta nel SRC.

StowStill

Immagine simulata del braccio TAGSAM mentre posiziona la testa del collettore nella "Sample Return Capsule": impressionante la somiglianza con la prima immagine reale in apertura, ingrandita di seguito. - Credit: NASA/Goddard/University of Arizona

 Madleine Stow

Dettaglio della ripresa TAGCAMS/StowCam fatta il 27 Ottobre poco prima dell'aggancio della testa del collettore - Credit: NASA/Goddard/University of Arizona/Lockheed Martin - Processing: Marco Di Lorenzo

 Una nuova sequenza di imaging è stata aggiunta per osservare il materiale che fuoriesce dalla testa del collettore e verificare che nessuna particelle ostacoli il processo di stoccaggio del collettore. La missione prevede che l'intero processo di richiederà più giorni, al termine dei quali il campione sarà sigillato in modo sicuro nella capsula per il viaggio di ritorno della sonda verso la Terra, che si concluderà nel Settembre 2023.

 Prima che la testa del campionatore possa essere sigillata nella SRC, altri due organi meccanici devono essere scollegati: si tratta del tubo che ha trasportato il gas di azoto alla testa TAGSAM durante la raccolta del campione e del braccio TAGSAM stesso. In queste ore, il team di missione sta comandando al veicolo spaziale di tagliare il tubo e separare la testa del collettore dal braccio TAGSAM e, una volta ricevuta la conferma positiva, ordineranno alla navicella spaziale di sigillare l'SRC.

 "Sono orgoglioso dell'incredibile lavoro e del successo del team OSIRIS-REx finora" ha dichiarato l'Amministratore Associato Thomas Zurbuchen. "Questa missione è ben posizionata per restituire un campione storico e sostanzioso di un asteroide sulla Terra, e si sono tutti i passaggi corretti seguendo un calendario accelerato, pur di proteggere quel prezioso carico".

 

Riferimenti
https://www.asteroidmission.org/?latest-news=nasas-osiris-rex-spacecraft-goes-for-early-stow-of-asteroid-sample
https://www.asteroidmission.org/?latest-news=osiris-rex-in-the-midst-of-stow

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 208 volta/e Ultima modifica Giovedì, 29 Ottobre 2020 12:38

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 Giugno 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 15 Giugno [Last update:&nbs...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 14/6 - Sol 905] - Meteoro...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 14 Giugno [updated on 06/1...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 13 giugno [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista