Scritto: Sabato, 24 Ottobre 2020 12:46 Ultima modifica: Sabato, 24 Ottobre 2020 15:50

OSIRIS-REx ha fatto il pieno!


 Il cestello del campionatore TAGSAM dovrebbe essere pieno di campioni di suolo di Bennu ma parecchio materiale sta fuoriuscendo da una "falla" imprevista...

Rate this item
(0 votes)
Immagine TAGSCAM con numerosi detriti fluttuanti intorno al cestello TAGSAM e una freccia rossa che indica la probabile falla del campionatore Immagine TAGSCAM con numerosi detriti fluttuanti intorno al cestello TAGSAM e una freccia rossa che indica la probabile falla del campionatore Credits: NASA - Processing: Marco Di Lorenzo

 Ieri la NASA ho reso pubblica una breve animazione, costituita da 3 fotogrammi TAGScam ricevuti il 22 ottobre, due giorni dopo il tentativo di raccolta dal sito Nightingale. Questa serie di tre immagini mostra che la testa del campionatore cilindrico TAGSAM (Touch-And-Go Sample Acquisition Mechanism) è piena di rocce e polvere raccolte dalla superficie dell'asteroide; tuttavia, esse mostrano anche che alcune di queste particelle stanno lentamente fuoriuscendo dalla testa del campionatore. L'analisi del team OSIRIS-REx suggerisce che questi detriti passino attraverso piccole fessure nel lembo del foglio di mylar leggermente aperto, la cui ombra ricurva è visibile nelle immagini come un rigonfiamento nero all'interno della cavità centrale, sulla sinistra.

 Il foglio in mylar è progettato per mantenere sul posto il materiale raccolto e il suo distacco imprevisto è stato probabilmente causato da rocce più grandi, che non sono passate completamente attraverso il lembo ma si sono incuneate deformandolo. Sulla base delle immagini disponibili, il team desume che ci sia comunque un campione di suolo abbondante, stivato all'interno del cestello a ciambella; adesso si sta lavorando per rallentarne al più presto la perdita.

 Ricordiamo che uno dei suoi requisiti principali della missione è l'acquisizione di almeno 2 once (60 grammi) del materiale dalla superficie dell'asteroide, da riportare a Terra nel giro di 3 anni.

resized

Animazione di 3 fotogrammi TAGSCAM - Credits: NASA

 "Bennu continua a sorprenderci con grandi risultati scientifici ma anche lanciando alcune 'palle ad effetto'", ha detto Thomas Zurbuchen, amministratore associato della NASA "E anche se potremmo doverci muovere più in fretta per riporre il campione, non è così male. Siamo così entusiasti di vedere quello che sembra essere un campione abbondante che ispirerà la scienza per decenni".

 Il team ritiene di aver raccolto un campione sufficiente e di essere sulla buona strada per riporlo il più rapidamente possibile. Sono giunti a questa conclusione dopo aver confrontato le immagini della testa del collettore vuota con le immagini del 22 ottobre. Le immagini mostrano anche che qualsiasi accelerazione del veicolo spaziale e dello strumento TAGSAM può portare a un'ulteriore perdita di campioni; per preservare il materiale rimanente, quindi, il team della missione ha deciso di  di rinunciare all'attività di misurazione della massa del campione originariamente programmata per sabato 24 e ha anche annullato una accensione dei motori, programmata per venerdì scorso allo scopo di ridurre la velocità del veicolo spaziale.

 Da ora, il team OSIRIS-Rex si concentrerà sullo stivaggio del campione nella Sample Return Capsule (SRC), dove il materiale rimasto verrà tenuto al sicuro durante il viaggio di ritorno della navicella sulla Terra.

 "Stiamo lavorando per preservare il nostro successo e il mio lavoro è restituire in modo sicuro un campione da Bennu, il più sostanzioso possibile", ha affermato Dante Lauretta, ricercatore principale che guida il il team scientifico e la pianificazione dell'osservazione scientifica e l'elaborazione dei dati della missione. "La perdita di massa mi preoccupa, quindi incoraggio fortemente la squadra a riporre questo prezioso campione il più rapidamente possibile".

 La testa TAGSAM ha eseguito l'evento di campionamento in condizioni ottimali. Le nuove analisi disponibili mostrano che la testa del collettore era a filo con la superficie di Bennu quando c'è stato il contatto e quando l'azoto veniva iniettato per movimentare il materiale di superficie, penetrando anche per diversi centimetri nel sottosuolo. Certo, la rinuncia a fare una misura più obiettiva della massa del campione tramite una misura della variazione del momento d'inerzia che avrebbe implicato una rotazione del veicolo getta un'ombra di incertezza ma i dati finora raccolti suggeriscono che la testa del collettore trattiene molto più di 60 grammi di regolite

 OSIRIS-REx rimane in buona salute e il team della missione sta definendo una tempistica per lo stoccaggio dei campioni e presto verranno forniti aggiornamenti al riguardo.

 

https://www.nasa.gov/press-release/nasa-s-osiris-rex-spacecraft-collects-significant-amount-of-asteroid

Altre informazioni su questo articolo

Read 133 times Ultima modifica Sabato, 24 Ottobre 2020 15:50
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 novembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/11 - Sol 712] - Meteor...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 26 novembre [updated on Nov,28]...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 27 Novembre [Last upda...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista