Scritto: Venerdì, 17 Giugno 2016 16:33 Ultima modifica: Venerdì, 17 Giugno 2016 20:35

Anche Notte è composta di ghiaccio d'acqua


Una nuova analisi spettrale del satellite di Plutone, Notte, appena ricevuta sulla Terra dalla sonda della NASA New Horizons, dimostra che anche la sua superficie è ricoperta in prevalenza di ghiaccio d'acqua, proprio come quella di Idra.

Rate this item
(0 votes)
Spettri del ghiaccio d'acqua di Caronte, Notte e Idra a confronto. Notte mostra le caratteristiche spettrali più profonde. Spettri del ghiaccio d'acqua di Caronte, Notte e Idra a confronto. Notte mostra le caratteristiche spettrali più profonde. Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

Grazie a questi nuovi dati dello spettrometro Ralph/Linear Etalon Imaging Spectral Array (LEISA) gli scienziati possono mettere insieme un quadro più dettagliato dei piccoli satelliti di Plutone e sulla loro origine.

Considerata la forma e la profondità di assorbimento nel grafico in apertura, Notte sembra essere composta da acqua ghiacciata relativamente pura e a grana grossa.

"Le piccole lune di Plutone sono nate probabilmente tutte dalla stessa nuvola di detriti creati dall'impatto di un piccolo pianeta sul giovane Plutone", ha detto nel report Hal Weaver, responsabile scientifico al Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory a Laurel, nel Maryland. "Così, ci dovremmo aspettare che siano composti tutti di un materiale simile" e la firma importante del ghiaccio d'acqua sulle loro superfici, compresa Caronte, sembrerebbe confermare questo scenario. Anche se gli spettri di Stige e Cerbero non sono stati rilevati, la loro riflettività suggerisce counque una superficie ricoperta di ghiaccio d'acqua.

Caronte, Notte e Idra

Crediti: NASA/JHUAPL/SwRI

Tuttavia, Notte e Idra mostrano caratteristiche di assorbimento diverse che sollevano anche nuovi interrogativi.
Apparentemente hanno texture superficiali differenti, nonostante le dimensioni simili ed inoltre, la riflettività della superficie di Idra a lunghezze d'onda nel visibile è superiore a quella di Notte.

Le osservazioni di LEISA risalgono al 14 luglio 2015, giorno dello storico fly-by attorno a Plutone, riprese da una distanza di circa 60.000 chilometri da Notte, con una risoluzione di circa 3,7 chilometri per pixel.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1495 volta/e Ultima modifica Venerdì, 17 Giugno 2016 20:35

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 Aprile [Last update...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Aprile [Last update:&nbs...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 15 Aprile [updated on 04/1...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/4 - Sol 843] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista