Scritto: Venerdì, 12 Febbraio 2016 05:52 Ultima modifica: Venerdì, 12 Febbraio 2016 06:40

Una mappa geologica per Plutone


Da quando la sonda della NASA New Horizons ha volato a bassa quota su Plutone il 14 luglio 2015, le immagini hanno rivelato una superficie incredibilmente complessa e un mondo inaspettatamente dinamico. Gli scienziati hanno dovuto fare i conti una con una grande varietà di caratteristiche e composizioni, alcune delle quali devono ancora essere completamente comprese. Di qui la necessità di sintetizzare la sorprendente geologia del pianeta nano, in una mappa.

Rate this item
(0 votes)
Plutone: mappa geologica della Sputnik Planum Plutone: mappa geologica della Sputnik Planum Credits: NASA/JHUAPL/SwRI

La prima rilasciata riguarda l'enigmatica pianura Sputnik Planum, situata nel "cuore" di Plutone.
Comprende una zona di 2.070 chilometri dall'alto verso il basso ad una risoluzione di 320 metri per pixel nella sua versione originale, con il terreno suddiviso in unità in base alla sua struttura e morfologia (liscio, butterato, scosceso, corrugato, rigido... ).

Plutone: mappa geologica Sputnik Planum

Credit: NASA/JHUAPL/SwRI

Le linee nere rappresentano il terreno cellulare nel ghiaccio di azoto; i blu e i verdi sono le texture che riempiono il resto della pianura; il viola rappresenta i grandi blocchi di ghiaccio che delimitano il confine occidentale della Sputnik Planum, mentre il rosa sono i gruppi di colline più basse ad oriente. Il criovulcano candidato Wright Mons è colorato in rosso in questa rappresentazione.

Analizzando come i confini tra le diverse unità si intersecano e sovrappongono, gli scienziati possono comprendere meglio la successione geologica temporale e la formazione di ciascun tipo di terreno.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 2373 volta/e Ultima modifica Venerdì, 12 Febbraio 2016 06:40

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 11 Maggio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 11 Maggio [Last update...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 11 Maggio [Last update:&nbs...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 10/5/21. Le manovre della sonda...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 7/5 - Sol 868] - Meteorol...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 19 Aprile [updated on 04/1...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista