Scritto: Venerdì, 29 Gennaio 2016 05:44 Ultima modifica: Venerdì, 29 Gennaio 2016 06:44

Una nuova mappa svela l'abbondanza del ghiaccio d'acqua su Plutone


Il ghiaccio d'acqua è più abbondante di quanto si pensasse sulla superficie di Plutone ed è la struttura portante della crosta che, come una tela, fa da supporto ai ghiacci più volatili soggetti ai cambiamenti stagionali.

Rate this item
(0 votes)
Una nuova mappa svela l'abbondanza del ghiaccio d'acqua su Plutone Credits: NASA/JHUIAPL/SwRI

Una nuova ondata di dati trasmessi a Terra dalla sonda della NASA New Horizons, mentre prosegue il suo viaggio nella Fascia di Kuiper, raccolti in infrarosso dal Ralph/Linear Etalon Imaging Spectral Array (LEISA), mostra che le caratteristiche spettrali del ghiaccio d'acqua sono molto diffuse sulla superficie del pianeta nano, ha dichiarato la NASA in un report.

L'immagine in falsi colori si basa su due scansioni di Plutone, riprese a 15 minuti distanza l'una dall'altra, ottenute il 14 luglio 2015 durante lo storico fly-by, da una distanza di circa 108.000 chilometri.

LEISA è una termocamera, passata alla storia per aver registrato il primo video ai confini del Sistema Solare, che riprende immagini 2D facendole passare attraverso un filtro ottico lineare variabile, dove ogni riga di pixel lavora su una lunghezza d'onda leggermente diversa da quella precedente e successiva. La mappa a destra nella composizione in apertura, è stata quindi ottenuta assemblando insieme la matrice tridimensionale di dati in cui l'immagine di Plutone si è formata ad ogni lunghezza d'onda esaminata da LEISA, prendendo in esame contemporaneamente il contributo dei diversi tipi di ghiaccio presenti.
La mappa a sinistra, invece, è uno dei primi modelli ottenuti, basato su un solo spettro per il ghiaccio d'acqua puro.
Come è facile notare il ghiaccio d'acqua sembra molto scarso in questa versione perché le sue tracce vengono facilmente mascherate dal metano ghiacciato. Le uniche aree identificate erano quelle effettivamente più ricche di ghiaccio d'acqua (o molto povere di metano).

Nonostante l'ultima ricostruzione sia molto più accurata, nella Sputnik Planum, la grande pianura che riempie il caratteristico "cuore" di Plutone, e nella Lowell Regio, la zona a nord di questa vista, non risulta ancora traccia di ghiaccio d'acqua in superficie: esso potrebbe esistere ma sepolto sotto altri volatili ghiacciati come il metano, l'azoto ed il monossido di carbonio.

LEISA ha ripreso in infrarosso anche l'atmosfera del pianeta nano.

L'atmosfera di Plutone ripresa in infrarosso da LEISA

Credit:  NASA/JHUAPL/SwRI

L'immagine è stata ripresa da New Horizons il 14 luglio 2015, da una distanza di 180.000 chilometri, alcune ore dopo il fly-by mentre erano in corso le osservazioni in occultazione di Plutone e le sue lune retroilluminate dal Sole.
La ripresa compre la gamma spettrale da 1,25 a 2,5 micron, divisa in tre parti a ciascuna delle quali è stato assegnato rispettivamente il canale rosso, verde e blu per ricostruire questa vista in falsi colori. Il nord del pianeta nano è alle ore 10:00 nella composizione.

Le particelle in sospensione nella foschia che avvolge il pianeta nano, una sorta di smog fotochimico di idrocarburi risultante dall'azione della luce solare sul metano e altre molecole, creano il suggestivo anello blu.
Le parti biancastre sono causate invece dalla riflessione della luce solare sulle zone più riflettenti o più lisce della superficie.
La parte inferiore del disco di Plutone dovrebbe arrivare a Terra con i prossimi dati.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2227 times Ultima modifica Venerdì, 29 Gennaio 2016 06:44
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

HOT! Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 18/9/20). Le manovre della sonda am...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 16/9 - Sol 641] - Meteoro...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Settembre [Last upd...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 Settembre [Last upd...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista