Dopo che la fotocamera LORRI (Long Range Reconnaissance Imager) ha iniziato a restituire immagini sempre più dettagliate della superficie del pianeta nano, in molti si stanno chiedendo cosa potrebbero essere quelle caratteristiche chiare e scure che si iniziano ad intravedere. A 14 giorni esatti da quello che sarà un altro storico flyby nella storia delle missioni spaziali (per tutti i dettagli vedere il post di Marco Di Lorenzo), iniziano ad arrivare i primi indizi.

La presenza di metano su Plutone, tuttavia, è un fatto già noto: il gas fu rilevato per la prima volta nel 1976 con osservazioni terrestri.
"Sapevamo già che c'era metano ma queste sono le nostre prime rilevazioni", ha detto Will Grundy, capo del team New Horizons Surface Composition al Lowell Observatory di Flagstaff, in Arizona. "Presto sapremo se ci sono differenze nella presenza di metano ghiacciato da una parte all'altra di Plutone".

Telescopio / spettrometro visibile ed infrarosso Ralph

Nel riquadro, Plutone e Caronte visti in infrarosso. Il rosa è il metano rilevato sulla superficie del pianeta nano.
L'animazione è disponibile come fimato a questo link: https://youtu.be/cqb4Mbwlj4c

Credits: Photo credit: NASA/Johns Hopkins Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute

Il metano (CH4) è un gas inodore ed incolore, presente nel sottosuolo e nell'atmosfera terrestre. Ma, mentre sul nostro pianeta viene costantemente prodotto da processi biologici e geologici, il metano di Plutone potrebbe essere primordiale, ereditato cioè dalla nebulosa solare da cui si è formato il Sistema Solare 4,5 miliardi di anni fa.

Un'incredibile animazione "time-lapse", realizzata con le immagini riprese da LORRI tra il 28 maggio e il 25 giugno 2015, mostra Plutone e Caronte in avvicinamento e le variazioni superficiali durante la rotazione. Durante il periodo preso in esame, la distanza della sonda New Horizons da Plutone è diminuita da 56 milioni km a 22 milioni di chilometri (potete seguire la fase di avvicinamento in tempo reale con il "Mission Log" di Marco Di Lorenzo).

Plutone e Caronte - gif movie

Come si vede, Plutone mostra una evidente luminosità nell'emisfero settentrionale e una fascia discontinua di materiale più scuro che corre lungo l'equatore. Accanto a questa macchia scura, sempre nella regione equatoriale, si nota un bacino dai bordi rialzati che potrebbe essere un enorme cratere, sui 450 km di diametro (evidenziato da una freccia nell'immagine qui in basso).
Caronte sfoggia, invece, una regione polare scura e variazioni di luminosità a latitudini più basse.

206f

Versione processata di una immagine LORRI del 27 Giugno. La freccia indica un possibile cratere di enormi dimensioni.
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Marco Di Lorenzo

In attesa del grande giorno, quando poche ore dopo il flyby la sonda potrà osservare la luce del Sole filtrata dall'atmosfera del pianeta nano, lo spettrometro Alice, il 16 giugno, ha effettuato con successo un test di osservazione del Sole da 5.000 milioni di chilometri di distanza.

New Horizons - Alice: spettro del Sole

Credits: Photo credit: NASA/Johns Hopkins Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute

In apertura, uno stack delle immagini del 29 luglio, disponibile in dimensione intera sul nostro album di Flick.

 

Press release:
- http://www.nasa.gov/feature/new-horizons-update-methane-detected-new-images-of-pluto-and-charon-sunrisesunset