Scritto: Mercoledì, 01 Luglio 2015 06:16 Ultima modifica: Mercoledì, 01 Luglio 2015 09:19

C'è metano su Plutone


Ebbene sì, lo spettrometro ad infrarossi Ralph della sonda della NASA New Horizons ha rilevato la presenza di metano congelato sulla superficie di Plutone.

Rate this item
(0 votes)
Pluto on 29 june 2015 - New Horizons LORRI Pluto on 29 june 2015 - New Horizons LORRI Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Dopo che la fotocamera LORRI (Long Range Reconnaissance Imager) ha iniziato a restituire immagini sempre più dettagliate della superficie del pianeta nano, in molti si stanno chiedendo cosa potrebbero essere quelle caratteristiche chiare e scure che si iniziano ad intravedere. A 14 giorni esatti da quello che sarà un altro storico flyby nella storia delle missioni spaziali (per tutti i dettagli vedere il post di Marco Di Lorenzo), iniziano ad arrivare i primi indizi.

La presenza di metano su Plutone, tuttavia, è un fatto già noto: il gas fu rilevato per la prima volta nel 1976 con osservazioni terrestri.
"Sapevamo già che c'era metano ma queste sono le nostre prime rilevazioni", ha detto Will Grundy, capo del team New Horizons Surface Composition al Lowell Observatory di Flagstaff, in Arizona. "Presto sapremo se ci sono differenze nella presenza di metano ghiacciato da una parte all'altra di Plutone".

Telescopio / spettrometro visibile ed infrarosso Ralph

Nel riquadro, Plutone e Caronte visti in infrarosso. Il rosa è il metano rilevato sulla superficie del pianeta nano.
L'animazione è disponibile come fimato a questo link: https://youtu.be/cqb4Mbwlj4c

Credits: Photo credit: NASA/Johns Hopkins Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute

Il metano (CH4) è un gas inodore ed incolore, presente nel sottosuolo e nell'atmosfera terrestre. Ma, mentre sul nostro pianeta viene costantemente prodotto da processi biologici e geologici, il metano di Plutone potrebbe essere primordiale, ereditato cioè dalla nebulosa solare da cui si è formato il Sistema Solare 4,5 miliardi di anni fa.

Un'incredibile animazione "time-lapse", realizzata con le immagini riprese da LORRI tra il 28 maggio e il 25 giugno 2015, mostra Plutone e Caronte in avvicinamento e le variazioni superficiali durante la rotazione. Durante il periodo preso in esame, la distanza della sonda New Horizons da Plutone è diminuita da 56 milioni km a 22 milioni di chilometri (potete seguire la fase di avvicinamento in tempo reale con il "Mission Log" di Marco Di Lorenzo).

Plutone e Caronte - gif movie

Come si vede, Plutone mostra una evidente luminosità nell'emisfero settentrionale e una fascia discontinua di materiale più scuro che corre lungo l'equatore. Accanto a questa macchia scura, sempre nella regione equatoriale, si nota un bacino dai bordi rialzati che potrebbe essere un enorme cratere, sui 450 km di diametro (evidenziato da una freccia nell'immagine qui in basso).
Caronte sfoggia, invece, una regione polare scura e variazioni di luminosità a latitudini più basse.

206f

Versione processata di una immagine LORRI del 27 Giugno. La freccia indica un possibile cratere di enormi dimensioni.
Credit: NASA/Johns Hopkins University Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute - Processing: Marco Di Lorenzo

In attesa del grande giorno, quando poche ore dopo il flyby la sonda potrà osservare la luce del Sole filtrata dall'atmosfera del pianeta nano, lo spettrometro Alice, il 16 giugno, ha effettuato con successo un test di osservazione del Sole da 5.000 milioni di chilometri di distanza.

New Horizons - Alice: spettro del Sole

Credits: Photo credit: NASA/Johns Hopkins Applied Physics Laboratory/Southwest Research Institute

In apertura, uno stack delle immagini del 29 luglio, disponibile in dimensione intera sul nostro album di Flick.

 

Press release:
- http://www.nasa.gov/feature/new-horizons-update-methane-detected-new-images-of-pluto-and-charon-sunrisesunset

Read 2609 times Ultima modifica Mercoledì, 01 Luglio 2015 09:19
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 24 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 23 Settembre [updated on S...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 23 Settembre [Last upd...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 22/9 - Sol 648] - Meteoro...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista