Scritto: Domenica, 16 Luglio 2017 06:34 Ultima modifica: Domenica, 16 Luglio 2017 08:36

#Perigiove7: Juno vola sulla Grande Macchia Rossa


L'11 luglio, la sonda della NASA Juno ha effettuato il suo settimo passaggio ravvicinato su Giove (PJ7). Questa volta, il principale punto di interesse scelto per la "citizen" fotocamera JunoCam era la famosa Grande Macchia Rossa.

Rate this item
(0 votes)
Un dettaglio della Grande Macchia Rossa di Giove ingrandito 4x, ripreso dalla JunoCam a bordo della sonda della NASA Juno durante il perigiove 7 Un dettaglio della Grande Macchia Rossa di Giove ingrandito 4x, ripreso dalla JunoCam a bordo della sonda della NASA Juno durante il perigiove 7 Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Come previsto, l'evento ha avuto molto successo ed ha infiammato gli animi degli image processor che ad ogni perigiove rielaborano le immagine raw inviate a Terra dalla sonda.
In tutto sono state ottenute quattro riprese dell'ovale più famoso del Sistema Solare, ciascuna disponibile nei filtri rosso, verde e blu:

Le quattro immagine della Grande Macchia Rossa ottenute dai dati di Juno, sovrapposte ad una porzione della mappa di Giove.

Le quattro immagine della Grande Macchia Rossa ottenute dai dati di Juno, sovrapposte ad una porzione della mappa di Giove.
Crediti: NASA/ESA/GSFC/UCBerkeley/JPL-Caltech/STScI / Elisabetta Bonora

In apertura, una nostra elaborazione: un dettaglio della Grande Macchia Rossa ingrandito 4 volte, ottenuto dalla migliore ripresa della JunoCam (JNCE_2017192_07C00060_V01). L'immagine a piena risoluzione è disponibile sul nostro album di Flickr. Qui sotto, il frame completo in "colori naturali".

Perigiove 7: la Grande Macchia Rossa in colori naturali

Perigiove 7: la Grande Macchia Rossa in colori naturali
Crediti: NASA/JPL-Caltech/SwRI/MSSS - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Ma, come ho scritto, la Grande Macchia Rossa ha davvero scatenato i fan e la loro fantasia. Nel catalogo sono state pubblicate davvero delle belle composizioni. Una delle più virali ed anche istruttive è stata realizzata da Seàn Doran e mostra, in scala, la Terra divorata dalla grande tempesta che al 3 aprile 2017 misurava 16.350 chilometri di diametro (circa 1,3 volte più ampia del nostro pianeta).
La gigantesca formazione è stata monitorata dal 1830 ed esiste probabilmente da oltre 350 anni ma negli ultimi tempi, sembra essersi ridotta.

La Terra, in scala, divorata dalla Grande Macchia Rossa

La Terra, in scala, divorata dalla Grande Macchia Rossa
Crediti: NASA / SwRI / MSSS / Gerald Eichstädt / Seán Doran

"Per centinaia di anni gli scienziati hanno osservato, domandandosi e teorizzando, la Grande macchia Rossa di Giove", ha dichiarato Scott Bolton, ricercatore principale di Juno. "Ora abbiamo le migliori immagini di questa tempesta. Ci vorrà un po' di tempo per analizzare tutti i dati e non solo della JunoCam ma da tutti gli otto strumenti di Juno, per saperne di più sul passato, presente e futuro della Grande Macchia Rossa".

Juno ha raggiunto il perigiove alle 3:55 dell'11 luglio 2017, sfiorando le nuvole del gigante gassoso da 3.500 chilometri di quota; 11 minuti e 33 secondi più tardi, la sonda aveva viaggiato per altri 39.771 chilometri e stava passando direttamente sopra la Grande Macchia Rossa da una distanza di 9.000 chilometri. Prossimo perigiove atteso per l'1 settembre!

Altre informazioni su questo articolo

Read 2503 times Ultima modifica Domenica, 16 Luglio 2017 08:36
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 29 Settembre [updated on S...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/9 - Sol 653] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista