Scritto: Mercoledì, 18 Dicembre 2013 05:31 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:35

NASA Dawn: i colori nascosti dell'asteroide Vesta


Mentre la sonda della NASA Dawn si appresta a raggiungere Cerere, il più grande oggetto nella fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove, i dati inviati sul grande asteroide Vesta, studiato tra il 2011 e il 2012, continuano a sorprendere.

L'asteroide è stato visto, per la prima volta, con occhi diversi, grazie agli scienziati del Max Planck Institute.

Rate this item
(0 votes)

Vesta Antonia crater

Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLAMPS/DLR/IDA

Mentre la sonda della NASA Dawn si appresta a raggiungere Cerere, il più grande oggetto nella fascia principale degli asteroidi tra Marte e Giove, i dati inviati sul grande asteroide Vesta, studiato tra il 2011 e il 2012, continuano a sorprendere.

Vesta, che apparentemente sembra essere un corpo grigiastro, caratterizzato da molti crateri, presenta in realtà una geologia ricca e un paesaggio di straordinaria bellezza.

L'asteroide è stato visto, per la prima volta, con occhi diversi, grazie agli scienziati del Max Planck Institute per il Solar System Research che hanno analizzato nuovamente le immagini inviate da Dawn, in falsi colori, assegnando un colore specifico ad ogni lunghezza d'onda.

Asteroide Vesta

Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

I ricercatori hanno potuto così distinguere i crateri sepolti e il materiale estraneo portato da urti con altre rocce spaziali, con una risoluzione di 60 metri per pixel.

"La chiave di queste immagini sono i sette filtri colore del sistema di telecamere a bordo della sonda spaziale", spiega Andreas Nathues, del team delle fotocamere di Dawn presso il Max Planck.
I materiali riflettono la luce a diverse lunghezze d'onda, osservati da angolazioni differenti e i filtri aiutano a rilevarne la composizione.

Il risultato è una diversità geologica mai vista e un paesaggio suggestivo.

"Nessun artista potrebbe dipingere qualcosa del genere. Solo la natura può fare questo", ha dichiarato Martin Hoffman, altro membro per le fotocamere di Dawn presso il Max Planck.

Il cratere Aelia, il cratere Antonia e una zona vicino al cratere Sextilia mostrano sicuramente i lughi più interessanti.

Le immagini che seguono sono state riprese dalla sonda Dawn tra settembre ed ottobre 2011 e sono state realizzando combinando i filtri nel visibile e nel vicino infrarosso, prestando particolare attenzione ai minerali ricchi di ferro.

Vesta Aelia crater

Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLAMPS/DLR/IDA

Questo mosaico mostra il flusso di materiale interno ed esterno al cratere Aelia, di 4,3 chilometri di diametro, a circa 14 gradi di latitudine sud. Ad occhi nudo le strutture che qui vediamo in rosso e blu, non sarebbero visibili. La loro origine è sconosciuta: una possibile spiegazione potrebbe essere che il calore generato dall'impatto abbia prodotto dei minerali liquidi diversi da quelli che compongono il cratere, i quali si sarebbero distribuiti così, come li vediamo ora.

L'immagine in apertura mostra il cratere Antonia, di 17 chilometri di diametro, che si trova nel grande bacino dell'emisfero sud, Rheasilvia, a circa 58 gradi di latitudine sud.
L'azzurro rappresenta gli elementi a grana fine che arrivano dalla crosta inferiore, mentre il bordo meridionale del cratere è stato sepolto da materiale più grossolano, poco dopo la sua formazione. Il blu scuro sono le ombreggiature create da blocchi di materiale.

Vesta Sextilia crater

Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLAMPS/DLR/IDA

La foto qui sopra, invece, mostra la superficie a nord-ovest del cratere Sextilia (in basso a destra), a circa 30 gradi di latitudine sud.
Il materiale nero è stato probabilmente portato dal corpo che ha colpito Vesta, mentre il rosso potrebbe essere materiale fuso dall'impatto stesso.

Read 2842 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:35
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

HOT! Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/9 - Sol 645] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 18/9/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista