Scritto: Martedì, 19 Giugno 2018 07:16 Ultima modifica: Martedì, 19 Giugno 2018 10:00

Cerere alla massima risoluzione


La sonda Dawn ha raggiunto l'orbita XMO-7 e da lì sta scattando foto mozzafiato con dettagli mai visti prima!

Rate this item
(0 votes)
Dettagli del bordo orientale di Occator, da due immagini ripresi il 9 giugno da 44 e 48 km di altezza (PIA 22526 e PIA22524) Dettagli del bordo orientale di Occator, da due immagini ripresi il 9 giugno da 44 e 48 km di altezza (PIA 22526 e PIA22524) Credits: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA - Processing: M. Di Lorenzo

 Ci siamo. La veneranda sonda Dawn, lanciata quasi 11 anni fa e ormai sulla soglia del pensionamento, ha raggiunto un'altezza record dalla superficie del pianeta nano a noi più vicino e sta raccogliendo dati inediti.

 Della nuova orbita avevamo parlato 16 giorni fa, quando Dawn la stava per raggiungere dopo aver effettuato 10 orbite XMO-6. Ebbene, come illustrato nell'ultimo Mission Report, tutto è andato come previsto e il 6 giugno la sonda ha completato la complessa manovra, spegnendo i motori a ioni e  posizionandosi su una ellisse con altezza compresa tra 35 km e 4000 km; ricordiamo che, in passato, Dawn non si era mai portata a meno di 385 km dalla superficie! 

 Ricordiamo che Il periodo dell'orbita XMO7 è di 27 ore e 13 minuti, esattamente il triplo del periodo di rivoluzione di Cerere; questa "risonanza 3:1" permetterà di sorvolare al periastro sempre lo stesso punto, ovvero il celebre cratere Occator che, con le sue macchie chiare, ha polarizzato l'attenzione di tutti fin dalle prime fasi di approccio al pianeta nano. Questo avverrà nelle prime orbite perchè in seguito la traiettoria del satellite si sposterà progressivamente più a sud. Lo scopo principale della nuova orbita è quello di raccogliere preziose informazioni ad alta risoluzione sulla composizione chimica superficiale (fino a 1 metro di profondità), tramite lo strumento "gamma ray and neutron detector" (GRaND).

 La sonda ha iniziato ad osservare Cerere il 9 giugno e nel frattempo la Gallery sul sito della missione si è riempita di immagini spettacolari, sempre più ravvicinate. Ne riportiamo alcune di seguito, in ordine di risoluzione crescente, ma consigliamo tutti di visitare periodicamente la suddetta galleria che si va arricchendo di giorno in giorno!  Anche se per ora le grandi macchie chiare di Occator non appaiono, molte delle immagini che mostriamo (compresa quella in apertura) si riferiscono a interessanti strutture sul bordo del cratere, che misura oltre 100km di diametro.

 Cominciamo da questa suggestiva vista del limbo di Cerere, ottenuta prima di raggiungere l'orbita finale; il 30 Maggio la sonda era ancora a 450 km di altezza e la regione mostrata si trova nell'emisfero Nord, centrata sulle coordinate 52°N, 337°E.

PIA22522e

PIA 22522 - Credits: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA - Processing: M. Di Lorenzo

 Qui sotto, il cratere Datan fotografato il 9 giugno da 77 km di altezza:

PIA22528 hires

PIA 22528 - Credits: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

  L'illuminazione radente rende drammatica questa veduta delle regioni polari (60,5 °N), in una immagine ripresa il 9 giugno da 66 km di altezza:

PIA22527 hires

PIA 22527 - Credits: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

  Massi frammentati rivelano la presenza di materiale più chiaro all'interno, in questa che è una delle prime immagini riprese dalla nuova orbita (altezza di 48 km, nei pressi del bordo orientale di Occator):

PIA22525e

PIA 22525 - Credits: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA - Processing: M. Di Lorenzo

 Di seguito, una regione molto antica e tormentata da crateri d'impatto, alle coordinate 43.6°N, 242.2°E e da un'altezza di soli 40 km. Rispetto all'originale, l'immagine è stata processata per ridurre la forte differenza di luminosità tra porzione destra e sinistra e rendere meglio visibili molti dettagli.

PIA22531e

PIA 22531 - Credits: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA - Processing: M. Di Lorenzo

 Infine, un dettaglio (reso più nitido) di una immagine scattata il 10 Giugno da 38 km di altezza; si vedono chiaramente dei grossi massi all'interno di un cratere molto antico e dai bordi smussati (coordinate 37°N, 242°E). A questa altezza, la scala dovrebbe essere di 3,5 m/pixel; pertanto, i massi hanno dimensioni che vanno da 15 a 75 metri circa.

 PIA22530e

PIA 22530 - Credits: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA - Processing: M. Di Lorenzo

 

Read 1058 times Ultima modifica Martedì, 19 Giugno 2018 10:00
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

 Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 20 Settembre [Last upd...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 19/9 - Sol 645] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 18/9/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista