Scritto: Mercoledì, 29 Giugno 2016 21:45 Ultima modifica: Mercoledì, 29 Giugno 2016 22:51

Attività idrotermale su Cerere? Il Bright Spot potrebbe esserne la testimonianza


Il famoso "Bright Spot" di Cerere al centro del cratere Occator presenta un'alta concentrazione di carbonati, la maggiore osservata al fuori della Terra.

Rate this item
(0 votes)
Una vista prospettica del cratere Occator sovrapposta ai dati rilevati dallo spettrometro VIR a bordo di Dawn. Il rosso indica abbondanza di carbonati, il grigio una scarsa presenza di carbonati. Una vista prospettica del cratere Occator sovrapposta ai dati rilevati dallo spettrometro VIR a bordo di Dawn. Il rosso indica abbondanza di carbonati, il grigio una scarsa presenza di carbonati. Crediti: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA

"E' la prima volta che vediamo questo tipo di materiale in una tale quantità in altre parti del Sistema Solare", ha detto nel report Maria Cristina De Sanctis, principal investigator di VIR, ricercatrice INAF ed autrice principale dello studio pubblicato sulla rivista Nature.
VIR è lo spettrometro realizzato da Finmeccanica-Selex ES, coordinato e finanziato dall'ASI e seguito dall'istituto Nazionale di Astrofisica che esamina, per varie lunghezze d'onda, come la luce del Sole viene riflessa dalla superficie di Cerere. I nuovi risultati arrivano dalla mappatura ad infrarossi.

Con solo 80 milioni di anni, Occator è considerato un cratere giovane.
E' largo 92 chilometri ed ha un pozzo centrale di 10 chilometri. La cupola è rivestita di un materiale altamente riflettente che fin dall'inizio della missione ha suscitato enorme interesse.
Ora, i dati rilevati dallo spettrometro, a bordo della sonda della NASA Dawn, dimostrano che l'area luminosa soprannominata "Bright Spot" è dominata dal carbonato di sodio, un tipo di sale che sulla Terra è associato agli ambienti idrotermali.

Questo materiale non può essere stato consegnato dagli asteroidi e di conseguenza sembra provenire dal centro di Cerere.
La sua risalita verso la superficie implica che l'interno del pianeta nano deve essere più caldo di quanto si pensasse.

L'ipotesi più intrigante è che l'acqua liquida era presente sotto la superficie in tempi geologici recenti. In questa visione, i sali sarebbero ciò che resta di un oceano sotterraneo o di pozze d'acqua localizzate che hanno raggiunto la superficie, congelando, milioni di anni fa.

"I minerali che abbiamo trovato nella zona centrale brillante del cratere Occator richiedono necessariamente un'interazione con l'acqua", ha spiegato De Sanctis. "La presenza di carbonati rafforza l’idea che Cerere abbia avuto un'attività idrotermale interna che ha spinto questi materiali fino in superficie in Occator".

In uno studio precedente pubblicato sulla rivista Nature, basato sulle prime intuizioni Dr. Tom McCord del Bear Fight Institute di Winthrop, Washington, co-ricercatore per la missione Dawn, i ricercatori, guidati da Andreas Nathues del Max Planck Institute for Solar System Research in Germania, sostenevano che il materiale riflettente era coerente con un tipo di solfato di magnesio chiamato esaidrite, noto sulla Terra come sale di Epsom. Ma i nuovi dati suggeriscono che il carbonato di sodio è il principale costituente più probabile.

Oltre al carbonato di sodio, in Occator è stato identificato anche bicarbonato di sodio, lo stesso sale presente nei geyser della luna di Saturno, Encelado, rendendo l'ipotesi "idrotermale" sempre più plausibile.
Inoltre, lo scorso anno, lo stesso team aveva scoperto che la superficie di Cerere contiene argille ricche di ammoniaca. E, poiché l'ammoniaca è abbondante nel Sistema Solare esterno, questa scoperta suggeriva che il pianeta nano si fosse formato nelle vicinanze di Nettuno per poi migrare verso l'interno, oppure fosse stato bombardato da materiale proveniente dal Sistema Solare esterno.

"Il prossimo passo sarà studiare anche le altre macchie chiare presenti sulla superficie di Cerere per capire se anche esse contengono questi carbonati", ha aggiunto De Sanctis.

Qui sotto una mosaico e un anaglifo del cratere Occator che lentamente si sta componendo nelle immagini raw ad alta risoluzione dell'orbita LAMO, rilasciate sul sito ufficiale.

Cerere: Occator, mosaico

Cerere: Occator, mosaico
Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA - Processing Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverseimages.com

Cerere: occator, anaglifo

Cerere: occator, anaglifo LAMO/HAMO
Credit: NASA/JPL-Caltech/UCLA/MPS/DLR/IDA - Processing Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverseimages.com

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 1771 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 29 Giugno 2016 22:51

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri articoli in questa categoria: « Ultime da Cerere Cerere: il mistero dei crateri »

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 16 Aprile 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 Aprile [Last update...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Aprile [Last update:&nbs...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 15 Aprile [updated on 04/1...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/4 - Sol 843] - Meteoro...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista