Scritto: Giovedì, 14 Maggio 2020 08:10 Ultima modifica: Giovedì, 14 Maggio 2020 09:55

Saturno: strati di foschia sopra l'esagono


Un nuovo studio, condotto dall'Università dei Paesi Baschi, ha scoperto curiosi strati di foschia sopra il famoso esagono di Saturno.

Rate this item
(0 votes)
In alto a sinistra, il dettaglio degli strati di foschia ripreso dalla sonda Cassini il 16 giugno 2015; sotto una foto dell'esagono di saturno realizzata con le immagini del 26 febbraio 2013. In alto a sinistra, il dettaglio degli strati di foschia ripreso dalla sonda Cassini il 16 giugno 2015; sotto una foto dell'esagono di saturno realizzata con le immagini del 26 febbraio 2013. Crediti: University of the Basque Country

 Saturno ha una struttura atmosferica davvero curiosa al polo nord, un vortice mostruoso dalla forma esagonale.
E' una caratteristica che si estende per circa 30.000 chilometri ed è assimilabile ad una corrente a getto, come quelle che conosciamo sulla Terra, con venti a circa 400 chilometri orari. L'occhio del ciclone, invece, è circa 50 più grande dell'occhio di un uragano terrestre (per un approfondimento consiglio il mio libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" dove potrete trovare molte altre informazioni e splendide foto).

 Le prime immagini del polo nord del pianeta furono scattate dalla Voyager 2 nel 1981 ma con una geometria orbitale poco favorevole.
Quando la Cassini arrivò nel sistema di Saturno nel 2004, l'emisfero settentrionale era avvolto nell'oscurità della stagione invernale e sono dovuti passare 5 anni perché la sua fotocamera Imaging Science Subsystem (ISS) potesse vederlo nelle lunghezze d'onda del visibile.
Le foto prodotte hanno mostrato una struttura meteorologica davvero attraente ma nell'immenso catalogo della missione Cassini–Huygens c'era un dettaglio ancora sconosciuto.

 Il 16 giugno 2015 la NAC (Narrow Angle Camera) aveva ripreso gli strati atmosferici all'orizzonte di Saturno, quando era primavera nell'emisfero settentrionale. Tuttavia, ad una prima analisi, ricostruendo la scena con il simulatore, era impossibile capire dove la fotocamera stesse guardando esattamente.

Cassini: simulazione 16 giugno 2015

 Ebbene, quel dettaglio apparteneva all'esagono.
ll team ha preso in esame questi frame e le immagini di Hubble scattate 15 giorni più tardi in cui il polo nord è visto dall'alto, dimostrando che la curiosa formazione ancora nasconde dei segreti.

Nel paper è stata presa in esame l'immagine NAC con filtro MT3 (metano) perché queste foschie spiccano particolarmente a 890 nm, mostrando una forte banda di assorbimento nel metano. Ma la Cassini ha scattato con un'ampia gamma di filtri.
Nell'immagine qui sotto (che ricorda molto il profilo dell'alta atmosfera di Titano), li ho assemblati per una vista multispettrale dall'rbg, all'infrarosso, al metano.

Saturno: strati di foschia sopra l'esagono

Saturno: strati di foschia sopra l'esagono. NAC 16 giugno 2015 . filtri red, grn, bl, cb3, mt1, mt2, mt3.
Crediti: NASA/JPL-Caltech - Processing: Elisabetta Bonora

Le foto, che hanno una risoluzione massima di 1,2 chilometri per pixel, hanno mostrato un sistema di foschie multistrato.

Saturno - esagono: foschia mt3

 Il grafico mostra la riflettività assoluta in funzione della distanza verticale attraverso il filtro a banda di assorbimento del metano a 890 nm. Nel dettaglio sono identificati gli strati di foschia da L0 a L7 che si estendono verso il sud dalla latitudine 75,8 ° N a 77,1 ° N.
Da: Multilayer hazes over Saturn’s hexagon from Cassini ISS limb images

 "Le immagini di Cassini ci hanno permesso di scoprire che, proprio come un sandwich, l'esagono ha un sistema multistrato di almeno sette nebbie che si estendono dalla cima delle nuvole fino ad un'altitudine di oltre 300 km sopra di esse", ha detto Il professor Agustín Sánchez-Lavega, che ha guidato lo studio. "Altri mondi freddi, come la luna di Saturno, Titano, o il pianeta nano Plutone, hanno anche strati di foschia ma non in tali quantità né distanziati regolarmente".

 Qui, ogni strato è spesso tra i 7 ed i 18 chilometri. L'analisi spettrale ha mostrato che la nebbia contiene particelle nell'ordine di 1 micron dalla composizione esotica: a causa delle basse temperature nell'atmosfera di Saturno, che vanno tra -120 gradi C e -180 gradi C, potrebbero comprendere cristalli di ghiaccio idrocarburici come acetilene, propano, propino, diacetilene e, nel caso delle nubi più alte, butano.

 Il team ha anche ipotizzato che la regolarità nella distribuzione verticale sia una conseguenza della propagazione delle onde di gravità che producono oscillazioni della densità e della temperatura dell'atmosfera, un fenomeno ben noto sulla Terra e su altri pianeti. I ricercatori ritengono che alla loro origine, potrebbe esserci l'esagono stesso ed il suo potente flusso di correnti a getto.

Altre informazioni su questo articolo

Read 178 times Ultima modifica Giovedì, 14 Maggio 2020 09:55
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Giugno [Last update...

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista