Scritto: Lunedì, 09 Ottobre 2017 11:41 Ultima modifica: Lunedì, 09 Ottobre 2017 13:45

Cassini, spoiler da Titano: batimetrie di mari e laghi alieni


È già trascorso quasi un mese dalla fine della missione Cassini ma, come era prevedibile, i suoi dati e le sue immagini terranno occupati scienziati ed appassionati per molto, molto tempo.

Rate this item
(0 votes)
TITANO T-126, 22 aprile 2017 TITANO T-126, 22 aprile 2017 Rif: https://saturn.jpl.nasa.gov/news/3019/titan-flyby-t-126-final-close-encounter-gateway-to-the-grand-finale/

Le gesta della Cassini-Huygens, i grandi traguardi ingegneristici e gli incredibili risultati scientifici raggiunti, sono stati rievocati con tantissime conferenze organizzate in giro per l'Italia in occasione del Grand Finale.

Gli amici dell'Associazione Stellaria, attiva sul territorio del ponente Ligure, hanno promosso un interessantissimo convegno il 5 ed il 6 ottobre nel teatro del casinò di Sanremo. Qui si sono alternati tantissimi ospiti illustri, scienziati che, non solo hanno lavorato alla missione e sui dati restituiti dalle sonde ma hanno vissuto le emozioni di tutti i momenti speciali che hanno segnato questa storia di esplorazione spaziale, dal lancio all'ultima immersione nell'atmosfera di Saturno.
Io li ho seguiti con grande interesse: i video del convegno sono disponibili sul canale YouTube dell'Associazione Stellaria.

Tra tutti, ho scelto di parlarvi in particolare dell'intervento di Marco Mastrogiuseppe dell'Università La Sapienza di Roma.
Come molti ricorderanno, a lui e colleghi, Giovanni Picardi, Roberto Seu e Valerio Poggiali del laboratorio radar del Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni (DIET), va il merito di aver ottenuto una misura storica: la profondità di un mare alieno.

I risultati, presentati al congresso dell'American Geophysical Union a San Francisco nel 2013, mostrarono che il Ligeia Mare raggiunge almeno i 160 metri.
La preziosa informazione, che ha permesso poi di calcolare il volume totale dei liquidi su Titano ed altre caratteristiche sulla loro composizione, era stata ottenuta dal radar a bordo della Cassini, in modalità altimetro, elaborando i dati ottenuti con innovativi algoritmi.
In pratica, lo strumento ha permesso di ricavare la prima batimetria di un mare extraterrestre.

Bene, non è finita qui!
Visti i grandi risultati, il team italiano, congiuntamente con il team americano, pianificarono altre osservazioni anche per il Kraken ed un Punga Mare, nonché per i laghi più piccoli.
Gli studi saranno pubblicati nei prossimi mesi ma, in base alle anticipazioni, sembra proprio che grazie ai nostri scienziati verrà segnato un nuovo record:

la prima batimetria di un lago alieno!

Cenotes, Messico - Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/File:Mexico_Cenotes.jpgGrazie all'ultimo fly-by attorno a Titano del 22 aprile 2017, il radar ha potuto osservare i bacini più piccoli che hanno diametri tra i 30 ed i 50 chilometri da 1000 chilometri di distanza, intercettandone 4 o 5.
Per alcuni l'analisi sta procedendo con grandi difficoltà a causa del segnale debole e delle interferenze ma altri sono probabilmente molto profondi, fino ed oltre i 100 metri. Queste strutture sono simili ai pozzi che si trovano in Messico, chiamati “sinkhole”o “cenote”, in cui le acque sotterranee hanno riempito la depressione dopo il crollo del basamento. Chissà se su Titano hanno operato meccanismi analoghi?

Dopo l'atterraggio della Huygens e 13 anni di esplorazione della Cassini, è affascinante trovare ancora tante analogie tra la Terra e la grande luna di Saturno! Non vedo l'ora di leggere i documenti finali!

Altre informazioni su questo articolo

Read 2096 times Ultima modifica Lunedì, 09 Ottobre 2017 13:45
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 14 Luglio [updated on Jul...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 14 Luglio [Last update...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 14 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista