Scritto: Venerdì, 10 Aprile 2020 21:03 Ultima modifica: Sabato, 11 Aprile 2020 06:51

BepiColombo ha superato il primo "gravity assist"


Svolta con successo la manovra che servirà a deviare l'orbita della sonda europea, in vista dei futuri incontri con Venere e, infine, con Mercurio.

Rate this item
(0 votes)
Alcuni fotogrammi estratti dalla sequenza di avvicinamento ieri, dalle 13 alle 22 ora italiana Alcuni fotogrammi estratti dalla sequenza di avvicinamento ieri, dalle 13 alle 22 ora italiana Copyright: ESA/BepiColombo/MTM, CC BY-SA 3.0 IGO - Colorizzazione/Processing: Marco Di Lorenzo

 Stamane, alle 6:22 ora italiana, Bepi-Colombo ha effettuato il passaggio ravvicinato con la Terra, sorvolando l'Atlantico meridionale a circa 12700 km di altezza. Durante il sorvolo, le tre telecamere di monitoraggio hanno scattato suggestive immagini della Terra e della Luna dallo spazio, immortalando il nostro pianeta in un momento difficile per gli esseri umani in Europa e nel mondo.

 L'immagine in apertura mostra la Terra in avvicinamento, in un arco temporale di quasi 10 ore, ripresa dalla camera "seflie" a bordo della sonda; in primo piano alcune porzioni del veicolo spaziale mentre sullo sfondo il nostro pianeta che ruota su se stesso mentre si avvicina, passando da una distanza di 282000 a 128000 km. Invece, l'animazione qui sotto mostra la fase successiva, quando la sonda sorvolava il terminatore e stava per raggiungere la minima distanza da Terra. Si riconoscono chiaramente l'India, la penisola arabica e il corno d'Africa.

BepiColombo sr

Credits: ESA/Jaxa - Processing: Marco Di Lorenzo

 "Questi selfie dallo spazio mostrano il nostro pianeta, la casa comune che condividiamo, in uno dei periodi più preoccupanti e incerti che molti di noi hanno attraversato", ha detto Günther Hasinger, direttore scientifico dell'ESA, che ha anche seguito l'evento a distanza da casa, in Spagna. “Siamo scienziati che pilotano veicoli spaziali per esplorare il Sistema Solare e osservare l'Universo alla ricerca delle nostre origini cosmiche, ma prima di questo siamo umani, ci prendiamo cura gli uni degli altri e affrontiamo insieme un'emergenza planetaria. Quando guardo queste immagini, mi viene in mente la forza e la resilienza dell'umanità, le sfide che possiamo superare quando facciamo squadra e vorrei che ci portassero lo stesso senso di speranza per il nostro futuro".

 La seguente infografica mostra le fasi salienti della manovra di ieri e oggi; sulla destra sono indicati gli strumenti utilizzati dai tre veicoli spaziali che per ora viaggiano uniti e si separeranno solo alla destinazione finale.BepiColombo infograf

Credits: ESA/NASA

 La manovra sfruttava la gravità terrestre per regolare il percorso del veicolo e non richiedeva alcuna accensione dei motori; tuttavia, ci sono stati 34 minuti critici poco dopo l'approccio, quando BepiColombo è passato attraverso l'ombra di Terra. "Questa fase di eclissi è stata la parte più delicata del sorvolo, con l'astronave che passa attraverso l'ombra del nostro pianeta e non riceve la luce solare diretta per la prima volta dopo il lancio", ha dichiarato Elsa Montagnon, responsabile delle operazioni spaziali di BepiColombo per l'ESA. 

 Per prepararsi all'eclissi programmata, gli operatori di missione hanno lasciato caricare completamente le batterie e riscaldato in anticipo tutti i componenti, monitorando poi attentamente la temperatura di tutti i sistemi di bordo durante il periodo al buio, tra le 07:01 e le 07:35 CEST. "È sempre snervante sapere che i pannelli solari di un veicolo spaziale non sono illuminati dalla luce del sole. Quando abbiamo visto che le celle solari si erano riavviate per generare corrente elettrica, sapevamo che BepiColombo era finalmente fuori dall'ombra della Terra e pronto a procedere nel suo viaggio interplanetario ", ha aggiunto Elsa.

Per ulteriori dettagli si rimanda al recente articolo di Elisabetta Bonora.

 

Riferimenti:
http://www.esa.int/Science_Exploration/Space_Science/BepiColombo/BepiColombo_takes_last_snaps_of_Earth_en_route_to_Mercury

Altre informazioni su questo articolo

Read 433 times Ultima modifica Sabato, 11 Aprile 2020 06:51
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista