Scritto: Martedì, 07 Aprile 2020 05:30 Ultima modifica: Martedì, 07 Aprile 2020 07:33

BepiColombo: tra pochi giorni lo swing-by attorno alla Terra


Nonostante tutte le restrizioni adottate dall'Agenzia Spaziale Europea per contrastare la pandemia di coronavirus, il team della missione congiunta ESA / JAXA BepiColombo si sta preparando al gravity assist attorno alla Terra.
La sonda adatterà la sua traiettoria per Mercurio sfruttando l'attrazione gravitazionale del nostro pianeta.

Rate this item
(0 votes)
Le principali tappe del viaggio di BepiColombo verso Mercurio. Le principali tappe del viaggio di BepiColombo verso Mercurio. Copyright ESA

BepiColombo, lanciata nel 2018, sta attualmente orbitando attorno al Sole ad una distanza simile a quella della Terra.
Il 10 aprile, verso le 06:25 ora italiana, si avvicinerà al nostro pianeta alla distanza di soli 12.700 chilometri (che è molto inferiore rispetto all'altitudine a cui si trovano molti satelliti terrestri).

BepiColombo è composta da due veicoli spaziali separati: L'ESA ha sviluppato il Mercury Planetary Orbiter (MPO) mentre la Japan Aerospace Exploration Agency JAXA ha fornito il Mercury Magnetospheric Orbiter (Mio). Il primo studierà la superficie e la composizione interna del pianeta; il secondo, la magnetosfera di Mercurio.
I due orbiter sono impilati in cima al Mercury Transfer Module (MTM) realizzato dall'ESA che fornisce la propulsione a ioni ed altri servizi non necessari per la missione vera e propria. Entrambi sono parzialmente oscurati dall'MTM stesso ma il team europeo ritiene di poter accedere ad 8 degli 11 strumenti scientifici di MPO durante lo swing-by (potete trovare la panoramica completa del payload in un mio precedente post). La vista di Mio sarà, invece, per lo più bloccata dal parasole ma alcuni alcuni sensori saranno comunque attivati.

Mantenendo la distanza sociale prevista dalle restrizioni COVID-19 e tutti i dispositivi di protezione personali necessari, la squadra dell'European Space Operations Centre (ESOC) a Darmstadt (Germania), è al lavoro già da due settimane per preparare le sequenze di comando da inviare alla navicella e pianificare uno dei momenti peggiori di tutta la manovra, l'eclissi, ossia quei 34 minuti in cui i pannelli solari di BepiColombo non riceveranno energia.

BepiColombo - la Terra e la Luna

La Terra e Lanua catturate da BepiColombo a marzo 2020.

La sonda è dotata anche di 3 telecamere GoPro per collezionare selfie mentre si avvicina alla Terra.

"Al momento del sorvolo, BepiColombo avrà percorso quasi 1,4 miliardi di km da quando è stata lanciata ad ottobre 2018. Eppure, passando ad un'altitudine di soli 12.700 km, arriverà entro un paio di migliaia di chilometri dell'esosfera del nostro pianeta, lo strato più esterno dell'atmosfera, dandoci l'ultima possibilità di salutarci e dirci addio".

"Questa è l'ultima volta in cui vedremo BepiColombo dalla Terra", afferma Joe Zender, vice scienziato del progetto BepiColombo all'ESA. "Dopodiché andrà più in profondità nel Sistema Solare interno".
Durante il sorvolo, la sonda non sarà visibile ad occhio nudo perché raggiungerà una magnitudine apparente pari ad 8 ma potrà essere osservata dagli astronomi ed astrofili terrestri con l'ausilio di telescopi, binocoli o macchine fotografiche: l'emisfero sud avrà la visuale migliore ma anche l'Europa meridionale potrebbe scorgere BepiColombo bassa all'orizzonte. Ulteriori dettagli sulla traiettoria possono essere reperiti qui.

BepiColombo Earth Fly-by

Via BepiColombo mission.

Il sorvolo della Terra del 10 aprile è solo il primo delle nove manovre di gravità assistita che attendono BepiColombo durante il suo viaggio di 7 anni verso Mercurio.
Ad ottobre, la navicella eseguirà il primo dei due swing-by su Venere, mentre i restanti sei avverranno tutti direttamente attorno a Mercurio.

BepiColombo arriverà a Mercurio alla fine del 2025. La missione scientifica inizierà tre mesi dopo, quando Mio e MPO si separeranno dal Mercury Transfer Module ed entreranno nelle rispettive orbite target.

Altre informazioni su questo articolo

Read 316 times Ultima modifica Martedì, 07 Aprile 2020 07:33
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Andamento dell'orbita della Stazione Spaziale Inte...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 Luglio [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 30 Giugno [updated on Jun...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 29/6/20 - Sol 564] Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista