Scritto: Giovedì, 09 Luglio 2020 05:54 Ultima modifica: Venerdì, 10 Luglio 2020 06:26

La gelatina di Yutu-2 è solo roccia


La gelatina verde trovata dal rover Yutu-2 all'interno di un piccolo cratere da impatto lo scorso anno, è roccia fusa. Si è arrivati a questo risultato confrontando le immagini della missione cinese Chang'e 4 con i campioni riportati a Terra dalle missioni Apollo della NASA. 

Rate this item
(1 Vote)
La superficie vetrificata evidenziata in verde (l'immagine originale era in bianco-nero, fortemente sottoesposta e vignettata) La superficie vetrificata evidenziata in verde (l'immagine originale era in bianco-nero, fortemente sottoesposta e vignettata) Crediti: CNSA/CLEP/NASA/GSFC/Dan Moriarty - Processing: Marco Di Lorenzo

"Il rover Chang'e-4 ha scoperto un impatto verde scuro e scintillante che ha sciolto la breccia in un cratere, durante la sua traversata sul fondo del cratere Von Kármán all'interno del bacino del Polo Sud Aitken, sul lato opposto della Luna", scrivono i ricercatori sul documento pubblicato su ScienceDirect. Questo "si è formato dalla saldatura, cementazione e agglutinazione di regolite lunare e breccia, a seguito dell'impatto".

La strana sostanza luccicante è stata ripresa per la prima volta da Yutu-2 alla fine di luglio del 2019 e annunciata al pubblico il mese seguente.
Nelle osservazioni di follow-up il team cinese ha scattato altre immagini con la Panoramic Camera e con lo spettrometro Visible and Near-Infrared Imaging Spectrometer (VNIS) a bordo del rover. In particolare, queste ultime hanno permesso a Sheng Gou, ed ai colleghi dell'Accademia Cinese delle Scienze, di abbattere la luce riflessa e determinare la composizione chimica della gelatina verdastra.

I risultati hanno mostrato che la regolite della zona è formata prevalentemente da plagioclasio (circa il 45%), pirosseno (7%) e olivina (6%), tutta roba lunare standard. La sostanza vetrosa, invece, è più difficile da decifrare: l'unico elemento emergente è il plagioclasio (al 38%). Ma questo dato non è dissimile dalla regolite circostante il che lascia presupporre che i due materiali non fossero troppo diversi, dopotutto. Inoltre, la patch individuata sulla Luna da Yutu-2, grande circa 52 per 16 centimetri, appare simile a due campioni riportati sulla Terra durante le missioni Apollo 15 ed Apollo 17 (il Lunar Sample 15466 ed il Lunar Sample 70019). Entrambi sono classificati come breccia, un tipo di roccia composta da pezzi più grandi cementati insieme da un materiale più fine. In tutti e due questo cemento è un vetro nero. Anche i ricercatori cinesi concludono, quindi, che la sostanza gelatinosa deve essersi formata con l'impatto di un meteorite durante il quale, la regolite fusa si mescolò con quella polverosa per formare la breccia. Ma ciò non è avvenuto necessariamente nel cratere in cui è stato trovato il materiale.

Il piccolo cratere di due metri che contiene la sostanza verde.

Crediti: CNSA/weixin.qq

La regolite che compone la singolare patch verdastra sembra provenire da un luogo diverso:
Inoltre, conoscendo le dimensioni del cratere dove è depositata la gelatina lunare (circa 2 metri), il team ha simulato l'impatto deducendo che, l'oggetto impattante sarebbe dovuto essere di soli due centimetri. Troppo piccolo per fondere un'area di 52 per 16 centimetri. 
"Pertanto, la fusione della breccia non si è probabilmente formata nel posto dove l'abbiamo trovata ma è stata collocata lì da un evento diverso", hanno scritto i ricercatori.

Purtroppo i dati a disposizione non consentono analisi più approfondite, l'illuminazione era scarsa e Yutu-2 è passato in quella zona ad agosto 2019 per cui è improbabile che tornerà indietro per ulteriori analisi.

Altre informazioni su questo articolo

Read 229 times Ultima modifica Venerdì, 10 Luglio 2020 06:26
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 31/7/20 - Sol 595] - Mete...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 31 Luglio [Last update...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 30 Luglio [Last update...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 Luglio [updated on Jul...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista