L'agenzia spaziale del paese Roscosmos ha detto la scorsa settimana che la missione, originariamente prevista per l'1 ottobre di quest'anno, dal cosmodromo di Vostochny in Estremo Oriente, è stata spostata a maggio 2022. Luna-25 sarà diretta al polo sud della Luna per sondare i depositi di ghiaccio. Sarà la prima missione lunare della storia post-sovietica.

L'ingegnere capo dell'ufficio di progettazione ha spiegato il ritardo dichiarando che era necessario "più tempo" per completare con successo le prove.
"Abbiamo riscontrato alcuni problemi durante i test", ha detto Alexander Shirshakov all'agenzia di stampa Interfax.
"Un sistema di atterraggio sicuro è di cruciale importanza e stiamo lavorando al sistema di atterraggio morbido di Luna-25", ha aggiunto.

La corsa alla Luna è in corso a pieno ritmo dopo che la Cina nel dicembre 2020 è diventata il primo paese a restituire campioni del nostro satellite dalla missione sovietica Luna-24 nel 1976.
La NASA si è impegnata a far sbarcare il prossimo uomo e la prima donna sulla luna nel 2024 come parte del suo programma Artemis.
Nel frattempo, Russia e Cina a marzo 2021 hanno annunciato piani per una stazione lunare congiunta.

Il programma spaziale russo, ereditato dall'Unione Sovietica, negli ultimi anni ha sofferto di vari problemi legati a scandali, corruzione e tagli di bilancio.
La sua industria spaziale ha subito un duro colpo nel 2020 quando ha perso il monopolio sui voli con equipaggio verso la ISS dopo il successo della missione Crew Dragon di Space X, la società del miliardario statunitense Elon Musk.

Tuttavia, Roscosmos ha annunciato una serie di iniziative tra cui una missione su Venere e la creazione di un razzo in grado di compiere viaggi di andata e ritorno nello spazio.

La Russia ha anche dichiarato di voler lasciare la Stazione Spaziale Internazionale e lanciare la propria stazione orbitale nel 2025.