Scritto: Lunedì, 16 Marzo 2015 05:37 Ultima modifica: Lunedì, 16 Marzo 2015 10:41

Il bel vedere di Opportunity


Il rover della NASA Opportunity, che ha da poco festeggiato i suoi 11 anni terrestri su Marte, ha raggiunto il mese scorso un punto davvero panoramico dal quale potrà dare un ultimo sguardo alla Marathon Valley, la sua prossima destinazione, ormai dietro l'angolo.

Rate this item
(0 votes)
Opportunity PanCam sol 3948 Opportunity PanCam sol 3948 Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: 2di7 & titanio44

Ecco l'incredibile vista di cui gode il rover.

Opportunity PanCam L2 L5 L7 from sol 3951 to sol 3954

Opportunity PanCam L2 L5 L7 from sol 3951 to sol 3954
Credit: NASA/JPL-Caltech" - Processing: 2di7 & titanio44

Ora, Opportunity si trova a circa 120 metri dalla Marathon Valley (seguite gli spostamenti del rover con gli aggiornamenti di Marco Di Lorenzo!), dove il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) a bordo della sonda MRO, ha rilevato un mix di abbondanti minerali argillosi, chiaro segno della presenza passata di acqua su Marte.

Opportunity - mappa sol 3948

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Questo bel vedere è caratterizzato da grandi rocce molto diverse da quelle incontrate finora; "con una colorazione viola-bluastra", si legge sul diario di missione.
Qui sotto, un target spazzolato dal rover e fotografato dal Microscopic Imager durante il sol 3935.
Il processing che abbiamo utilizzato mostra la roccia, decisamente blu, in "true color" così come potrebbe apparire se fosse sulla Terra.

Opportunity Microscopic Imager sol 3935

Opportunity Microscopic Imager sol 3935
Credit: NASA/JPL-Caltech" - Processing: 2di7 & titanio44

In apertura un gruppo di blocchi rocciosi di interesse: l'immagine è disponibile in dimensione originale sul nostro album di Flickr e qui sotto in anaglifo. La roccia piatta in primo piano al centro dell'immagine, chiamata "Sergeant Charles Floyd", è stata scelta come target per ulteriori analisi.

Opportunity PanCam sol 3948 anaglyph

Opportunity PanCam sol 3948 anaglyph
Credit: NASA/JPL-Caltech" - Processing: 2di7 & titanio44

"Siamo arrivati sul bordo di un altopiano per guardare giù nella valle e abbiamo trovato questi grandi blocchi, grigio scuro, lungo la cresta", ha detto il Project Scientist Matt Golombek del Jet Propulsion Laboratory della NASA, a Pasadena. "Abbiamo controllato e abbiamo trovato una composizione diversa da qualsiasi altra misurata prima su Marte. Così, whoa! Abbiamo deciso di esaminarli prima di andare oltre".

Le attività scientifiche, tuttavia, si sono alternate agli interventi di manutenzione per l'installazione di un nuovo software di gestione della memoria difettosa.
Opportunity ha due tipi di memoria, analogamente a qualsiasi computer: una è "a breve termine", "volatile", che si cancella se viene tolta l'alimentazione (memoria RAM); e l'altra più capiente e "permanente" di tipo flash, come quella usata nelle schede di memoria delle fotocamere o negli "Hard Disk a stato solido" (SSD). In questa memoria vengono generalmente immagazzinate le immagini e altre informazioni da spedire poi a Terra. Nel 2013 il rover iniziò a manifestare anomalie nel comportamento della memoria Flash con conseguenti "amnesie" e problemi di scrittura, safe-mode e reset. il rover, quindi, è stato costretto ad operare in modalità "volatile", utilizzando cioè solo la memoria RAM per diverso tempo, con tutte le relative limitazioni.
Individuato il problema in uno dei sette banchi di memoria, il team ha recentemente caricato un nuovo software che utilizzerà solo i sei banchi della memoria funzionanti, escludendo quello difettoso.

Anche se il nuovo software è operativo, sarà necessaria una nuova formattazione, prima di riprendere l'uso della memoria flash.
Dopo la formattazione, il team eviterà l'uso del braccio robotico per qualche giorno per assicurarsi che non si verifichino nuove anomalie, dal momento in cui un recupero del rover in tal caso sarebbe piuttosto complesso.

Opportunity PanCam L1 edr sol 3958

Opportunity PanCam L1 edr sol 3958
Credit: NASA/JPL-Caltech" - Processing: 2di7 & titanio44

Read 2918 times Ultima modifica Lunedì, 16 Marzo 2015 10:41
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 4 agosto [Last update:...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 3 Agosto [updated on Aug,03].&n...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 3/8/20 - Sol 598] - Meteo...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista