Scritto: Martedì, 29 Aprile 2014 05:33 Ultima modifica: Martedì, 06 Maggio 2014 07:05

Un saluto da Marte! Due nuovi autoritratti per il book fotografico di Curiosity


E' sempre divertente sfogliare il catalogo della missione della NASA Curiosity e invece, di rocce e paesaggi, trovare un primo piano del rover.

Durante il sol 613 (27 aprile 2014) Curiosity si è scattato ben due primi piani, due foto ricordo del soggiorno a Kimberley, in attesa di ricevere l'ok dal team per utilizzare il trapano per la terza volta, dopo John Klein e Cumberland.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity sol 613 MAHLI selfportrait

Curiosity sol 613 MAHLI selfportrait
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

E' sempre divertente sfogliare il catalogo della missione della NASA Curiosity e invece, di rocce e paesaggi, trovare un primo piano del rover.

Durante il sol 613 (27 aprile 2014) Curiosity si è scattato ben due primi piani, due foto ricordo del soggiorno a Kimberley, in attesa di ricevere l'ok dal team per utilizzare il trapano per la terza volta, dopo John Klein e Cumberland.

Utilizzando il MAHLI (Mars Hand Lens Imager), la fotocamera posta in cima al braccio robotico, il rover si è fotografato mentre era al lavoro alla base di Monte Remarkable, una delle tre colline dell'affioramento Kimberley (originariamente KMS-9).

Curiosity map 23 april 2014

Credit: NASA / JPL / UA / Phil Stooke

Ha scattato due foto (composizione in apertura): alle 12:12:13 ora locale a destra, alle 12:25:50 ora locale a sinistra, dove il paessaggio marziano non solo fa da cornice ma si riflette anche nella ChemCam.

Più o meno nello stesso intervallo di tempo, ha ripreso anche le immagini del contesto che hanno permesso di elaborare due mosaici, due vere e proprie cartoline con il Monte Sharp alto 5,5 chilometri sullo sfondo e il basamento di Monte Remarkable sulla sinistra.

Curiosity sol 613 MAHLI selfportrait

Curiosity sol 613 MAHLI selfportrait
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Curiosity sol 613 MAHLI selfportrait

Curiosity sol 613 MAHLI selfportrait
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Non è la prima volta che Curiosity ci regala queste vedute marziane: ricordiamo il primo autoritratto del sol 32 (7 settembre 2012) quando il MAHLI aveva ancora il coperchio antipolvere e il mosaico ricordo del sol 84 (31 ottobre 2012), ripreso dopo tre settimane di permanenza a Rocknest.

Di sicuro è un momento impegnativo per Curiosity: il team di missione sta comandando una serie di analisi sulla roccia arenaria chiamata "Windjana" per verificare se soddisfa i criteri per diventare un target valido di perforazione.

Curiosity sol 609 MastCam right Windjana

Curiosity sol 609 MastCam right Windjana
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Curiosity Front HazCam sol 611

Curiosity Front HazCam sol 611
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Verificata la stabilità del rover per estendere il braccio robotico, Curiosity ha iniziato utilizzando lo spettrometro APXS X-ray e il Dust Removal Tool (DRT), la spazzola per rimuovere la polvere e diversi colpi di laser per leggere la composizione della roccia.

Ecco l'ultimo aggiornamento disponibile sul sol 611 da Ken Herkenhoff (USGS):

The data returned from Sol 610 showed that the rover is stable, so the weekend plan includes lots of arm activities. On Sol 612, APXS and MAHLI will study the planned drill target before the Dust Removal Tool (DRT) brushes it off. Then MAHLI will image the brushed area before the APXS is placed on it for an overnight integration. On Sol 613, MAHLI will take another selfie of the rover, then pre-load the arm on the drill target. Sol 614 includes lots of remote sensing observations by ChemCam, Mastcam and Navcam. I wasn't on shift today, but followed along because I'll be SOWG Chair on Monday.

Curiosity sol 611 APXS X-ray anaglyph

Curiosity sol 611 APXS X-ray anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Gli scienziati vogliono scoprire che tipo di materiale ha cementificato i granelli di sabbia di Kimberley e quali processi sono intervenuti, sperando di trovare una nuova conferma di ambienti antichi adatti ad ospitare la vita, come per Yellowknife Bay.

Curiosity NavCam Sol 613 from 06:01:33 P.M. to 06:09:08 P.M. - Phobos transitMa fare scienza per Curiosity significa anche astronomia così, oltre ad un tramonto suggestivo, negli ultimi sol sono state diverse le occasioni per osservare il passaggio delle lune marziane.

Con gli scatti del 21 aprile era riuscito a catturare non solo Phobos e Deimos ma anche Giove, Saturno, Vesta e Cerere, che possono entrare nella storia come le prime immagini di due asteroidi ripresi dalla superficie di Marte.

Tuttavia, le osservazioni sembrano proseguire e tra le ultime immagini, del sol 613 (28 aprile 2014), spunta una sequenza della NavCam ripresa in direzione est tra le 18:01:33 e le 18:09:08 ora locale, in cui l'esposizione prolungata disegna il tramonto di Phobos (qui a fianco uno stack dei 5 frame - "Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44).

Aggiornamento 6 maggio 2014

A distanza di qualche giorno dagli ultimi autoscatti di Curiosity, mi fa piacere integrare questo post con altre elaborazioni, scelte tra tra le migliori in rete.

Curiosity Selfie Sol 613 - Doug Ellison

Credit: NASA / JPL / MSSS / Doug Ellison

Curiosity Selfie Sol 613 - James Sorenson

Credit: NASA / JPL / MSSS / James Sorenson

Curiosity Selfie Sol 613 - Di Lorenzo Kremer

Credit: NASA / JPL / MSSS / Marco Di Lorenzo / Ken Kremer – kenkremer.com

E naturalmente non poteva mancare un meraviglioso panorama interattivo a 360° da 30.000 pixel!
La fantastica vista, realizzata da Andrew Bodrov, oltre ai frame del sol 613, include anche 138 immagini del sol 610. Buona visione!


Mars Panorama - Curiosity rover: Martian solar day 613 in out-of-this-world

Read 3219 times Ultima modifica Martedì, 06 Maggio 2014 07:05
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 29 Settembre [updated on S...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/9 - Sol 653] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista