Scritto: Mercoledì, 21 Novembre 2012 06:15 Ultima modifica: Lunedì, 01 Aprile 2013 12:20

Curiosity ha scoperto qualcosa di 'sconvolgente'? Forse ma per ora la missione procede normalmente


Curiosity è di nuovo in movimento.

Dopo aver soggiornato a Rocknest quasi un paio di mesi, riprende il suo cammino verso Glenelg ma non mancheranno naturalmente ulteriori tappe.

Rate this item
(0 votes)

Curiosity sol 102 Navcam anaglyph

Curiosity sol 102 Navcam anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Curiosity è di nuovo in movimento.
Dopo aver soggiornato a Rocknest quasi un paio di mesi, riprende il suo cammino verso Glenelg ma non mancheranno naturalmente ulteriori tappe.

Lo scorso 16 novembre il rover ha guidato nuovamente per la prima volta percorrendo 1,9 metri in direzione di un nuovo target, la roccia chiamata “Rocknest 3”. Domenica 18 novembre (sol 102) l'ha analizzata con il suo spettrometro Alpha Particle X-Ray (APXS) per 10 minuti e poi di nuovo uno spostamento di 25,3 metri verso est, diretto in una zona chiamata “Point Lake”.

“Abbiamo già toccato e abbiamo già camminato ma questo è il primo nostro 'touch-and-go' lo stesso giorno”, ha detto Michael Watkins, Mission Manager della missione Curiosity al NASA Jet Propulsion Laboratory di Pasadena, California. “E’ un buon segno,  il team sta prendendo confidenza con una complessa pianificazione operativa che ci servirà nelle prossime settimane”.

Durante il Giorno del Ringraziamento, il team utilizzerà la Mastcam di Curiosity da Point Lake per esaminare possibili percorsi ed obiettivi ad est. Una delle priorità è quella di scegliere un target per il primo utilizzo del trapano che raccoglierà campioni di polvere all’interno delle rocce.

Anche se il rover ha ormai abbandonato il sito di Rocknest, campo di studio e test per le prime analisi, nella paletta contiene ancora un po’ di sabbia del quinto ed ultimo scoop. Il rover lo sta conservando perchè gli scienziati, nei prossimi giorni, potrebbero decidere di fare ancora qualche analisi.

E mentre la missione sembra proseguire con una tranquilla routine, il sito universetoday.com, riporta che John Grotzinger, project manager della missione Curiosity, in un’intervista rilasciata recentemente, ha dichiarato che ci sarà qualche grande notizia a breve.

Gli scienziati dovranno prima essere certi dei risultati ma sembrerebbe che, il campione di suolo marziano sniffato dal SAM (Sample Analysis at Mars), mostri qualcosa di sconvolgente.
 
“Questi dati segneranno i libri di storia”, ha dichiarato Grotzinger.

Di cosa si tratterà? Certo è, che ora ci hanno lasciato con il fiato sospeso!

Il SAM è stato progettato per studiare la composizione chimica ed isotopica dell’atmosfera e del suolo marziano.
E’ uno strumento fondamentale per la ricerca delle molecole organiche e quindi per lo studio della vita su Marte. Mentre però, la vita non può esistere senza molecole organiche, è vero il contrario e queste possono esistere senza vita.
Ma definire sconvolgente una scoperta, dovrebbe lasciare intendere un risultato positivo.

Curiosity già ha trovato le prove dell’acqua che scorreva copiosa nel cratere Gale.
Se il SAM avesse realmente rilevato materiale organico, il prossimo passo sarebbe quello di determinarne l’origine.

Quando il SAM ha analizzato l’aria marziana per la prima volta, le letture iniziali registravano grandi quantità di metano ma nonostante l’eccitazione, si è poi scoperto che il dato corrispondeva ad residuo di aria proveniente dalla Florida prima del lancio. Quindi ora, qualsiasi sia la grande scoperta, il team vuole avere una certezza assoluta dei risultati ottenuti prima di rilasciare qualsiasi dichiarazione. E questo non avverrà prima di altre diverse settimane. Abbiamo tutto il tempo per fare ipotesi, speculazioni ed incrociare le dita!

AGGIORNAMENTO
Dal sito space.com, Grotzinger conferma che si parlerà della scoperta all'American Geophysical Union, a San Francisco, 3 - 7 dicembre.

Read 3325 times Ultima modifica Lunedì, 01 Aprile 2013 12:20
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Elisabetta Bonora Mercoledì, 21 Novembre 2012 06:56 posted by Elisabetta Bonora

    Cosa avrà scoperto Curiosity? Qualcosa riguardo all'acqua? Alle molecole organiche? Facciamo qualche ipotesi insieme...

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista