Scritto: Mercoledì, 31 Ottobre 2012 05:33 Ultima modifica: Lunedì, 01 Aprile 2013 12:26

Curiosity a Rocknest: ecco i risultati delle prime analisi


Curiosity ha terminato le prime analisi sui campioni di suolo marziano prelevati a Rocknest: i risultati sono stati presentati durante la teleconferenza di ieri sera, trasmessa di diretta sul canale NASA ustream.

I primi dati avrebbero rilevato un terreno la cui composizione mineralogia è molto simile a quella dei suoli basaltici delle Hawaii.

Rate this item
(0 votes)

 First X-ray View of Martian Soil

Image credit: NASA/JPL-Caltech/Ames

Curiosity ha terminato le prime analisi sui campioni di suolo marziano prelevati a Rocknest: i risultati sono stati presentati durante la teleconferenza di ieri sera, trasmessa di diretta sul canale NASA ustream.

I primi dati avrebbero rilevato un terreno la cui composizione mineralogia è molto simile a quella dei suoli basaltici delle Hawaii.

I minerali sono stati identificati dal primo campione di suolo marziano "ingerito" da Curiosity.
Grazie alla Chemistry and Mineralogy (CheMin) gli scienziati stanno colmando le lacune di questi anni, definendo con maggior precisione le precedenti stime sulla composizione del terreno del Pianeta Rosso.

"In precedenza abbiamo effettuato deduzioni e abbiamo avuto molte discussioni circa la mineralogia del suolo marziano", ha detto David Blake del NASA Ames Research Center di Moffett Field, California, principale ricercatore della CheMin. "I nostri risultati quantitativi hanno fornito dati raffinati e nuove indicazioni sui minerali in questa prima analisi a diffrazione di raggi X su Marte".

Il Pianeta Rosso non sembra avere una storia così diversa da quella terrestre: in un articolo sul New York Times, John Grotzinge, scienziato del progetto MSL, ha detto che alcune rocce studiate da Curiosity ad inizio missione, ricordano le rocce di un ruscello vicino alla sua casa d'infanzia a Huntingdon Valley, Pennsylvania. Mentre un team di ricercatori spagnoli trova analogie con le rocce di Cuatro Ciénegas, una valle messicana che potrebbe avere un passato simile al cratere Gale.

Tuttavia, è da tener presente che, un'analisi limitata alle rocce potrebbe fornire informazioni mineralogiche ambigue come ad esempio nel caso del diamante e della grafite, che hanno la stessa composizione chimica ma strutture e proprietà differenti. Mentre, l'identificazione dei minerali nelle rocce e nel suolo è fondamentale per comprendere le condizioni ambientali passate: in ogni minerale è racchiusa la storia circa la sua formazione.
La missione di Curiosity è proprio quella di valutare le condizioni ambientali della zona del cratere Gale e verificare se ci siano mai stati i presupposti per ospitare la vita.

La diffrazione a raggi X della CheMin riproduce in piccolo lo stesso tipo di analisi che vengono effettuate nei laboratori terrestri ma con strumentazioni molto più grandi. Questo metodo è quello più accurato finora utilizzato su Marte, in grado di leggere la struttura interna dei minerali.
Aver miniaturizzato uno strumento così complesso è stato un notevole successo ed ha portato vantaggi anche sulla Terra, dove avere a disposizione un'apparecchiatura portatile trova altre utili applicazioni, come ad esempio nel caso dello studio di antichi manufatti o reperti archeologici, di screening di prodotti farmaceutici contraffatti.

X-ray Diffraction

Image credit: NASA/Ames/JPL-Caltech
Nell'immagine, a sinistra, uno strumento tradizionale per la diffrazione a raggi X delle dimensioni di un frigorifero, a confronto con lo stesso strumento contenuto all'interno di Curiosity (in alto a destra), un cubo di soli 25 centimetri di lato. In basso a destra, lo stresso strumento in formato portatile la cui realizzazione è stata resa possibile proprio grazie alla NASA e agli studi per la tecnologia spaziale.

Nello specifico il primo campione utilizzato da Curiosity proviene dalle sabbie e polveri di Rocknest. In campione è stato setacciato per escludere particelle superiori a 150 micron (circa la larghezza di un capello umano). Il materiale utilizzato presenta per lo più due componenti: polveri globali distribuite dalle tempeste marziane e sabbia fine locale.
A differenza dello studio sul conglomerato di rocce di diverse settimane fa che ha messo in evidenza i processi antichi legati alla presenza di acqua nel cratere Gale, la CheMin ha fornito indicazioni geologiche attuali.

Ora sappiamo che il terreno di Marte è mineralogicamente simile al materiale basaltico con un'alta concentrazione di feldspato, pirosseno e olivina. Circa la metà del terreno contiene minerali non cristallini, come ad esempio il vetro vulcanico o prodotti originati da un'alterazione meteorica.
Finora i materiali trovati concordano con le precedenti stime sulla composizione del suolo marziano e testimoniano che il cratere Gale, oggi secco e asciutto, un tempo era un luogo umido e bagnato: le rocce antiche come i conglomerati suggeriscono che un tempo scorreva acqua liquida mentre i minerali attuali sono in linea con una iterazione limitata con l'acqua.

L'immagine di apertura mostra il primo grafico ottenuto dalla diffrazione a raggi X, in cui vengono identificati feldspato cristallino, olivina e pirosseno miscelato con elementi amorfi (non cristallini).
Il campione di terreno fa parte dello scoop del sol 69 (15 ottobre 2012) ed è stato consegnato alla CheMin durante il sol 71 (17 ottobre 2012).
La diffrazione a raggi X permette di identificare l'impronta digitale unica di ogni minerale.

Durante la teleconferenza sono state poste dalla stampa alcune domande dirette circa la presenza di metano nel cratere Gale e i frammenti brillanti notati nel terreno marziano. Entrambe le questioni sono state sorvolate: per il metano probabilmente si avranno dati ed indicazioni durante i prossimi briefing, mentre per le curiose particelle è stato solo confermato che fanno parte del suolo di Rocknest ma non sono stati forniti ulteriori dettagli.

Source: http://youtu.be/NhhOc_dRnLE

Read 3412 times Ultima modifica Lunedì, 01 Aprile 2013 12:26
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista