Scritto: Venerdì, 05 Ottobre 2012 06:31 Ultima modifica: Sabato, 06 Ottobre 2012 21:12

Curiosity: "wheel mark", il marchio del rover a Rocknest


CURIOSITY sol 57 Navigation Camera wheel print

Curiosity è pronto per entrare nel vivo delle attività e prelevare campioni di suolo marziano: l'abilità del rover di raccogliere terreno da analizzare è fondamentale per determinare se il cratere Gale ha mai offerto condizioni ambientali favorevoli alla vita microbica.
L'analisi minerale potrà fornire elementi sulla storia geologica del luogo mentre l'analisi chimica verificherà la presenza degli ingredienti necessari alla vita.

Rate this item
(0 votes)

CURIOSITY sol 57 Navigation Camera wheel print

CURIOSITY sol 57 Navigation Camera (Navcams) l r anaglyph "wheel mark"
"Courtesy NASA/JPL -Caltech" processing 2di7 & titanio44

Curiosity è pronto per entrare nel vivo delle attività e prelevare campioni di suolo marziano: l'abilità del rover di raccogliere terreno da analizzare è fondamentale per determinare se il cratere Gale ha mai offerto condizioni ambientali favorevoli alla vita microbica.
L'analisi minerale potrà fornire elementi sulla storia geologica del luogo mentre l'analisi chimica verificherà la presenza degli ingredienti necessari alla vita.

Le prossime operazioni serviranno proprio per testare la capacità del rover di raccogliere campioni da analizzare, mentre più avanti verrà utilizzato anche un trapano per forare le rocce e prelevarne la polvere.

Il terreno designato per le prime analisi, è stato preparato da Curiosity stesso che con la sua ruota ha esposto materiale fresco del suolo.

L'anaglifo è stato realizzato con le immagini scattate dalla Navigation Camera durante il sol 57 (3 ottobre 2012) e la larghezza dell'impronta è di circa 40 centimetri.

Curiosity per due volte raccoglierà campioni che verranno depositati ed agitati all'interno delle camere di trattamento ma poi gettati via, per pulire le superfici interne. Una procedura del tutto simile a quella utilizzata nei laboratori terrestri per eliminare qualsiasi residuo di elementi precedenti.

La terza volta, invece, metterà la terra nel vassoio per ispezionarla con le fotocamere. Parte del terzo campione verrà consegnato alla CheMin (Chemistry & Mineralogy Instrument) per l'analisi chimica e mineralogica.

Il quarto campione, invece, verrà suddiviso tra CheMin e SAM (Sample Analysis at Mars) per identificarne gli ingredienti chimici.

"Rocknest" è il nome della zona scelta per iniziare le operazioni di analisi ed è un'area di 2,5 metri per 5.
La paletta di Curiosity, larga 4,5 centimetri e lunga 7 centimetri, potrà arrivare ad una profondità di 3,5 centimetri.

Terminate le operazioni, il team ha intenzione di guidare il rover per altri 100 metri verso Glenelg e selezionare il primo obiettivo per il trapano.

Read 1990 times Ultima modifica Sabato, 06 Ottobre 2012 21:12
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista