Print this page
Scritto: Lunedì, 20 Agosto 2012 06:23 Ultima modifica: Venerdì, 27 Dicembre 2013 18:16

Ecco il primo "zap" di Curiosity: Coronation (N165) è stata colpita


Ieri per la prima volta il laser di Curiosity è stato utilizzato su Marte: il target era una piccola roccia chiamata "Coronation" (N165).

La Cheamcam ha colpito “Coronation” con 30 impulsi in 10 secondi: l'energia del laser ha eccitato gli atomi della roccia e la Chemcam ha rilevato la luce emessa analizzandola con tre spettrometri, ottenendo informazioni sulla natura degli elementi.

Rate this item
(0 votes)

pia16075

PIA16075
Credit: NASA/JPL-Caltech/LANL/CNES/IRAP

Ieri per la prima volta il laser di Curiosity è stato utilizzato su Marte: il target era una piccola roccia chiamata "Coronation" (N165).

La Cheamcam ha colpito “Coronation” con 30 impulsi in 10 secondi: l'energia del laser ha eccitato gli atomi della roccia e la Chemcam ha rilevato la luce emessa analizzandola con tre spettrometri, ottenendo informazioni sulla natura degli elementi.

"Abbiamo ottenuto un grande spettro per Coronation", ha detto Roger Wiens del Los Alamos National Laboratory.
"Il nostro team è allo stesso tempo entusiasta e sta lavorando sodo ottenendo risultati. Dopo otto anni di sviluppo dello strumento, è ora di raccogliere dati.".

Gli spettri ottenuti sono su ben 6144 diverse lunghezze d'onda che vanno dalla luce ultravioletta, al visibile, all'infrarosso.
Questo primo esperimento era semplicemente un test ma potrebbe fin da subito apportare un contributo alla ricerca: analizzando i dati ottenuti si potrà già valutare se i risultati sono variati quando la roccia è stata colpita dagli impulsi successivi. Questo potrebbe significare una diversa composizione sotto la superficie.

"I dati ottenuti sono migliori dei test effettuati sulla Terra, in termini di rapporto segnale-rumore", ha detto Sylvestre Maurice dell'Institut de Recherche en Astrophysique et Planetologie (IRAP) di Tolosa, Francia.

La tecnica utilizzata dalla Chemcam di Curiosity è stata impiegata in altri ambienti estremi, come l'interno dei reattori nucleari e sui fondali marini, ha avuto applicazioni sperimentali per il monitoraggio ambientale e la rilevazione del cancro. Ieri è stato il suo primo utilizzo a livello interplanetario.

Read 7501 times Ultima modifica Venerdì, 27 Dicembre 2013 18:16
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.