Scritto: Venerdì, 25 Novembre 2016 17:23 Ultima modifica: Venerdì, 25 Novembre 2016 18:08

Spirit trovò (forse) biosignature su Marte


Secondo gli scienziati dell'Arizona State University (ASU), il Mars Exploration Rover Spirit, rimasto silente su Marte dal 22 marzo 2010, potrebbe aver incontrato i segni lasciati dalla vita passata sul pianeta.
La ricerca ha confrontato le immagini riprese dal rover ad Home Plate, un affioramento roccioso pianeggiante, con le caratteristiche geologiche dei canali formati dai geyser primaverili di El Tatio, in Cile.

Rate this item
(0 votes)
A sinistra, Marte (Home Plate); a destra, Terra, Cile (El Tatio) A sinistra, Marte (Home Plate); a destra, Terra, Cile (El Tatio) Crediti: ASU/Ruff & Farmer

Secondo il team, guidato da Steven Ruff e Jack Farmer della School of Earth and Space Exploration, il sito cileno mostra strutture di silice, prodotte da una combinazione di processi biotici e abiotici, molto simili a quelle viste sul Pianeta Rosso.
"Anche se i processi completamente abiotici non possono essere esclusi, le strutture di silice marziane soddisfano a priori una definizione di potenziali biosignature", hanno scritto gli autori del documento pubblicato su Nature Comunication. La NASA stessa infatti, definisce la biosignature [firma biologica] come "un oggetto, sostanza e / o modello che potrebbe avere un'origine biologica e costringe quindi i ricercatori a raccogliere più dati prima di raggiungere una conclusione definitiva sulla presenza o assenza di vita".

Spirit atterrò su Marte nel 2004, nel cratere Gusev, poche settimane prima del suo gemello Opportunity.
In questa zona, il rover incontrò affioramenti e regolite composta di opale un minerale amorfo (silice idrata: SiO2·nH2O) che si potrebbe essere formato in un antico ambiente vulcanico idrotermale.
"Tuttavia, il potenziale significato delle caratteristiche nodulari e delle strutture millimetriche di opale a forma di dita non è stato riconosciuto", secondo i ricercatori.

L'ambiente di El Tatio offre una rara combinazione di alta quota, basso tasso di precipitazioni, alto tasso di evaporazione medio annuo, fasi di gelo e disgelo diurne ed elevato irraggiamento ultravioletto, del tutto paragonabili a Marte. Di conseguenza, le caratteristiche di origine biologica del luogo sollevano la possibilità che le analoghe strutture marziane possano essersi formate nello stesso modo.

Silica deposits on Mars with features resembling hot spring biosignatures at El Tatio in Chile [abstract]

The Mars rover Spirit encountered outcrops and regolith composed of opaline silica (amorphous SiO2·nH2O) in an ancient volcanic hydrothermal setting in Gusev crater. An origin via either fumarole-related acid-sulfate leaching or precipitation from hot spring fluids was suggested previously. However, the potential significance of the characteristic nodular and mm-scale digitate opaline silica structures was not recognized. Here we report remarkably similar features within active hot spring/geyser discharge channels at El Tatio in northern Chile, where halite-encrusted silica yields infrared spectra that are the best match yet to spectra from Spirit. Furthermore, we show that the nodular and digitate silica structures at El Tatio that most closely resemble those on Mars include complex sedimentary structures produced by a combination of biotic and abiotic processes. Although fully abiotic processes are not ruled out for the Martian silica structures, they satisfy an a priori definition of potential biosignatures.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1904 times Ultima modifica Venerdì, 25 Novembre 2016 18:08
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista