Scritto: Martedì, 17 Novembre 2015 05:22 Ultima modifica: Martedì, 17 Novembre 2015 06:58

Opportunity: pronto ad affrontare le sfide di un altro inverno marziano


Il longevo rover della NASA Opportunity si sta preparando a trascorrere il suo settimo inverno su Marte.

Rate this item
(0 votes)
Opportunity sol 4142 Opportunity sol 4142 Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Credit: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Opportunity - mappa: sol 4166

Credit: NASA/JPL-Caltech/Univ. of Arizona

Il rover si trova in una zona chiamata Marathon Valley, sul bordo ovest del grande cratere Endeavour.
Dopo aver completato alcuni sondaggi a fondovalle alla ricerca di minerali argillosi, si sta lentamente spostando verso sud e verso est per posizionarsi sui pendii rivolti a nord e massimizzare l'apporto di luce solare durante i mesi invernali (potete restare aggiornati seguendo gli aggiornamenti di Marco Di Lorenzo).

Nonostante i vari problemi dovuti all'età, Opportunity si trova in un paradiso scientifico.
La Marathon Valley, infatti, era stata scelta dal team perché le osservazioni con il Compact Reconnaissance Imaging Spectrometer for Mars (CRISM) a bordo di MRO avevano identificato interessanti esposizioni di minerali argillosi (smectite), possibili testimonianze di antiche condizioni ambientali favorevoli alla vita su Marte.

Opportunity  Sol 4182 Sol 4183

Opportunity Sol 4182 Sol 4183
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing: Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Il rover ha catturato diversi panorami ed analizzato alcuni target con lo spettrometro Alpha Particle X-ray (APXS) ed il Microscopic Imager, nonostante i timeout imprevisti della Panoramic Camera ed le solite amnesie che lo costringono a lavorare con la sola memoria RAM, cioè quella "a breve termine", "volatile", che si cancella se viene tolta l'alimentazione. Ciò significa che i dati raccolti dovrebbero essere trasmessi immediatamente agli orbiter che fanno da ponte per le comunicazioni con la Terra ma "la bassa elevazione e le orbite verso ovest della sonda, continuano a produrre poco o nessun ritorno di dati su alcuni passaggi. Questo è dovuto solo alla geometria delle orbite e all'alta parete che chiude la valle ad ovest", si legge nel report.

Opportunity Microscopic Imager Sol 4136

Opportunity Microscopic Imager Sol 4136
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Opportunity Microscopic Imager Sol 4194 mosaico ed anaglifo

Opportunity Microscopic Imager Sol 4194 mosaico ed anaglifo
Credit: NASA/JPL-Caltech - Processing Elisabetta Bonora & Marco Faccin / aliveuniverse.today

Tuttavia i test sul banco di memoria flash difettoso continuano e non è escluso nuovo tentativo di ripristinarne l'utilizzo.

Il rover resterà comunque fermo più o meno in questa posizione finché non passerà l'inverno che vedrà il suo giorno più breve l'11 gennaio 2016.

Il 3 novembre 2015, Opportunity aveva percorso 42,62 chilometri totali dall'inizio della missione, i suoi pannelli solari stavano producendo 344 watt/ora con una opacità atmosferica (Tau) di 0,472 ed un fattore di polvere sui pannelli solari di 0,574.

Altre informazioni su questo articolo

Read 2424 times Ultima modifica Martedì, 17 Novembre 2015 06:58
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

2 commenti

  • Comment Link Elisabetta Bonora Martedì, 17 Novembre 2015 13:52 posted by Elisabetta Bonora

    Ciao Livio,
    se i pannelli fossero puliti il "dust factor" sarebbe pari ad 1. Quindi, più alto è il valore e meglio è! ;)

  • Comment Link Livio Martedì, 17 Novembre 2015 08:47 posted by Livio

    Salve, ciao - Che significa fattore di polvere 0,574? Forse 1=completamente coperti e 0=completamente puliti? Un saluto

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista