Scritto: Sabato, 15 Settembre 2012 07:31 Ultima modifica: Lunedì, 30 Dicembre 2013 11:04

Blueberries? No! Il rover della NASA Opportunity alle prese con un nuovo mistero geologico


Da quando il longevo rover della NASA Opportunity è arrivato su Marte nel 2004, le cosiddette "blueberries" o "mirtilli marziani" hanno caratterizzato il suolo fotografato dal rover.

Ora, recenti immagini del Microscopic Imager evidenziano un affioramento apparentemente simile alle ormai note sferule di ematite ma secondo i ricercatori, in realtà completamente diverso: un vero puzzle geologico.

Rate this item
(0 votes)

OPPORTUNITY sol 3067 Microscopic Imager

OPPORTUNITY sol 3067 Microscopic Imager
"Courtesy NASA/JPL-Caltech" processing 2di7 & titanio44

Da quando il longevo rover della NASA Opportunity è arrivato su Marte nel 2004, le cosiddette "blueberries" o "mirtilli marziani" hanno caratterizzato il suolo fotografato dal rover.

Ora, recenti immagini del Microscopic Imager evidenziano un affioramento apparentemente simile alle ormai note sferule di ematite ma secondo i ricercatori, in realtà completamente diverso: un vero puzzle geologico.

Opportunity sta indagando sul promontorio chiamato Kirkwood nella zona di Cape York, sul bordo occidentale del cratere Endeavour.

La misura delle sferule è di circa 3 millimetri di diametro: l'analisi è ancora ad uno stato preliminare ma indica che non presentano ferro come i tipici mirtilli marziani.

Le berries trovate ovunque da Opportunity sono concentrazioni formate dall'azione dell'acqua sui minerali presenti nelle rocce, la prova dell'esistenza di un ambiente umido in passato su Marte.

Il rover oltre ad utilizzare il Microscopic Imager per raccogliere informazioni fotografiche di Kirkwood, ha analizzato la composizione utilizzando lo spettrometro Alpha Particle X-Ray.

Le nuove sferule sembrano essere "croccanti fuori e morbide all'interno", dice Steve Squyres della Cornell University a Ithaca (NY): sono diverse per la concentrazione, per la struttura, per la composizione e la distribuzione.

Opportunity quindi, dopo tanti anni di attività ha regalato nuovamente un'emozionante scoperta: in questo momento ogni ipotesi è ancora da valutare.

Read 3940 times Ultima modifica Lunedì, 30 Dicembre 2013 11:04
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 29 Settembre [updated on S...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/9 - Sol 653] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista