Scritto: Martedì, 21 Ottobre 2014 06:22 Ultima modifica: Martedì, 21 Ottobre 2014 06:48

Anche MRO riprende il piccolo nucleo della cometa Siding Spring


Se il piccolo nucleo della cometa Sidind Spring è stato ripreso dal rover Opportunity dalla superficie di Marte, il High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) non poteva essere da meno.

Le immagini sono state riprese durante il passaggio ravvicinato al Pianeta Rosso, domenica 19 ottobre.

Rate this item
(0 votes)

Siding Spring by MRO

Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona

Se il piccolo nucleo della cometa Sidind Spring è stato ripreso dal rover Opportunity dalla superficie di Marte, il High Resolution Imaging Science Experiment (HiRISE) a bordo della sonda della NASA Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) non poteva essere da meno.

Le immagini sono state riprese durante il passaggio ravvicinato al Pianeta Rosso, domenica 19 ottobre.

Nelle seguenti elaborazioni, i dettagli più deboli sono stati messi in evidenza da Marco Di Lorenzo.

Siding Spring by MRO

Siding Spring by MRO

Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Arizona - Processing: Marco Di Lorenzo / Ken Kremer – kenkremer.com

MRO ha acquisito le foto quando la cometa si trovava alla distanza minima di 138.000 chilometri, ottenendo una scala di 138 metri per pixel, decisamente meglio di come era andata per la ISON, considerando che Siding Spring ha un nucleo stimato di appena 1 chilometro. Tuttavia, le immagini di questo mosaico, che mostra in alto la regione del nucleo e in basso gli stessi frame sovraesposti per evidenziare la chioma e la coda, indicano solo due o tre pixel effettivamente luminosi, probabilmente corrispondenti al nucleo. Se così fosse, sarebbe ancora pù piccolo di quanto calcolato.

Questi scatti sono stati possibili grazie ad un preciso puntamento e rotazione di MRO che, 12 giorni prima era già riuscito a vedere Siding Spring quando era solo qualcosa di più del rumore di fondo nelle immagini. Queste riprese avevano mostrato che la cometa non era esattamente nella posizione prevista e, senza tali dati, sarebbe finita fuori del campo visivo di MRO il 19 ottobre. Ce l'avranno fatta anche le altre sonde a guardare nella giusta direzione?

Read 2445 times Ultima modifica Martedì, 21 Ottobre 2014 06:48
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 29 Settembre [updated on S...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/9 - Sol 653] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista