Scritto: Giovedì, 05 Marzo 2015 05:23 Ultima modifica: Giovedì, 05 Marzo 2015 06:59

Una mappa di Marte a 1.65 micron ripresa dal sensore metano di MOM


Mi stavo chiedendo da diverso tempo che fine avesse fatto e di tanto tanto verificavo sui social se ci fosse qualche novità, ma la missione indiana Mars Orbiter Mission (MOM) ha trascorso diversi mesi in silenzio, dopo aver ripreso il transito di Phobos e la cometa Siding Spring.

Rate this item
(0 votes)
MOM - Methane Sensor for Mars (MSM): riflettanza di Marte a 1,65 micron MOM - Methane Sensor for Mars (MSM): riflettanza di Marte a 1,65 micron Credit: ISRO

Finalmente, il 3 marzo, l'Indian Space Research Organisation (ISRO) ha rilasciato un aggiornamento sul canale di Facebook che riguarda i primi dati rilevati dal sensore metano a bordo della sonda.

L'obiettivo del Methane Sensor for Mars (MSM) di Mangalyaan è confermare la presenza di metano nell'atmosfera di Marte e misurare la sua densità di colonna.
MSM ha due canali, uno sensibile al metano, appunto, e uno centrato su 1.65 micron, una lunghezza d'onda a cui il metano è trasparente. Comparando la riflettanza della superficie a 1.65 micron con ill canale sensibile al metano, è possibile determinare la presenza, l'abbondanza e la distribuzione del gas.

Le prime informazioni rilasciate, a dire il vero, non dicono molto a parte il fatto che il sensore sta facendo regolarmente il suo lavoro.

La mappa mostra i dati della rilfettanza della superficie di Marte vista a 1,65 micron, fino al 15 dicembre 2014.
Il colore blu indica un albedo basso, il rosso un albedo elevato. La risoluzione è di 0.5°x0.5° in latitudine-longitudine.
Ecco la didascalia originale:

Methane Sensor for Mars (MSM) payload onboard MOM intends to detect the presence of Methane and measure the column density of the same. One of the secondary objectives of this payload is to measure the reflectance of Martian surface in 1.65 micron. MSM has two channels, Methane and reference to measure the radiance from the surface of Mars.
All planets in the Solar system receive Sun’s radiation to varying degrees depending on their distance from the Sun. Observing the surface of the planet depends on how this radiation is reflected back. Reflected solar radiation from Mars is a diagnostic signal of the planet which provides lot of information about the planet’s surface as well as its atmosphere. When we measure the radiance in a specific wavelength of light (in this case, 1.65 micron), then we can generate a reflectance map.
The map presented here shows the surface reflectance of Mars as viewed at 1.65 micron from the reference channel of MSM till December 16, 2014. In the map, the blue colour indicates low albedo features and the red shows high albedo features on the Martian surface.
The map resolution is 0.5°x0.5° in Latitude-Longitude. By correcting the data for CO2 absorption, a major part of atmospheric effects is taken care of. This data along with the reflectance measured by Mars Colour Camera will be useful to study the surface properties of Mars.

Contemporaneamente, sul sito web ufficiale, che vedo sotto una nuova veste grafica, è apparsa anche qualche nuova immagine della Mars Colour Camera (MCC).

Due riprendono il grande cayon della Valles Marineris:

Marte: Eos Chaos

Marte - Valles Marineris

Credit: ISRO

Una Arsia Mons, probabilmente renderizzata utilizzando un digital elevation model (DEM):

Marte - Arsia Mons

Credit: ISRO

Ed un'altra relativa al transito di Phobos ripreso in ottobre tra le 11:25:35 e le 11:26:10 UT:

Marte - transito di Phobos

Credit: ISRO

Alcune di queste foto erano state anticipate, in due abstract, in occasione del Lunar and Planetary Science Conference (LPSC):
http://www.hou.usra.edu/meetings/lpsc2015/pdf/2123.pdf
http://www.hou.usra.edu/meetings/lpsc2015/pdf/1317.pdf

Read 2647 times Ultima modifica Giovedì, 05 Marzo 2015 06:59
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 28 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 29 Settembre [updated on S...

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/9 - Sol 653] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista