Scritto: Mercoledì, 02 Novembre 2022 13:32 Ultima modifica: Giovedì, 03 Novembre 2022 04:22

Insight si prepara all'estremo saluto


Nel mese dedicato ai morti, la NASA anticipa sull'imminente spegnimento del lander, ormai in cronico deficit energetico...

Rate this item
(1 Vote)
Andamento aggiornato a ieri della energia disponibile e dell'opacità atmosferica (a sinistra) e delle immagini inviate a terra dalle due fotocamere di bordo (a destra)
Andamento aggiornato a ieri della energia disponibile e dell'opacità atmosferica (a sinistra) e delle immagini inviate a terra dalle due fotocamere di bordo (a destra)
Data Sourece: NASA/JPL - Plot/processing: Marco Di Lorenzo

  Si avvicina il giorno in cui il lander Mars InSight della NASA tacerà, ponendo fine alla sua missione storica per rivelare i segreti dell'interno del Pianeta Rosso. La produzione di energia del veicolo spaziale continua a diminuire mentre la polvere portata dal vento sui suoi pannelli solari si addensa, quindi il team ha adottato misure per continuare il più a lungo possibile con l'energia rimanente. La fine dovrebbe arrivare nelle prossime settimane.

 L'affiatato team operativo da 25-30 membri (un piccolo gruppo rispetto ad altre missioni marziane) continua a spremere il massimo da InSight, ma ha anche iniziato a prendere provvedimenti per concludere la missione.


Conservazione dei dati

 Il più importante dei passaggi finali della missione InSight sarà archiviare i suoi dati e renderli accessibili ai ricercatori di tutto il mondo. I dati del lander hanno fornito dettagli sugli strati interni di Marte, il suo nucleo liquido, i resti sorprendentemente variabili sotto la superficie del suo campo magnetico per lo più estinto e naturalmente sulla attività sismica.

Il sismometro di InSight, fornito dal Centre National d'Études Spatiales (CNES) francese, ha rilevato più di 1300 terremoti da quando il lander è atterrato nel novembre 2018, il più potente dei quali ha raggiunto la magnitudo 5. Ha anche registrato terremoti da impatti di meteoroidi, di cui uno alla fine dell'anno scorso. Osservare come le onde sismiche di quei terremoti cambiano mentre viaggiano attraverso il pianeta offre uno sguardo inestimabile all'interno di Marte, ma fornisce anche una migliore comprensione di come si formano tutti i mondi rocciosi, inclusa la Terra e la Luna.

 "Finalmente, possiamo vedere Marte come un pianeta con più strati, ciascuno con diversi spessori e composizioni", ha affermato Bruce Banerdt del JPL, il principale investigatore della missione. “Stiamo iniziando a svelare davvero i dettagli. Ora Marte non è solo un enigma; in realtà è un pianeta vivente e che respira”.

 Le letture del sismometro si uniranno all'unico altro insieme di dati sismici extraterrestri, duello dalle missioni lunari Apollo, nel Planetary Data System della NASA. Confluiranno anche in un archivio internazionale, gestito dalle Incorporated Research Institutions for Seismology, che ospita "tutte le posizioni dei dati della rete sismica terrestre", ha affermato Sue Smrekar del JPL, "Ora ne abbiamo uno anche su Marte". Smrekar ha affermato che i dati dovrebbero continuare a produrre scoperte per decenni.


Gestire la potenza

 All'inizio di quest'estate, il lander aveva così poca energia residua che chi gestisce la missione ha spento tutti gli altri strumenti scientifici di InSight, per mantenere il sismometro in funzione. Hanno persino disattivato il sistema di protezione dai guasti, che altrimenti avrebbero spento automaticamente il sismometro appena l'energia del lander fosse divenuta pericolosamente bassa. "Siamo rimasti a meno del 20% della capacità di generazione originale", ha affermato Banerdt. "Ciò significa che non possiamo permetterci di far funzionare gli strumenti 24 ore su 24."

 Di recente, dopo che una tempesta di polvere regionale si è aggiunta ai pannelli solari ricoperti di polvere del lander, il team ha deciso di spegnere del tutto il sismometro per risparmiare energia. Ora che la tempesta è finita, il sismometro sta raccogliendo di nuovo dati, anche se solo i rivelatori più sensibili erano ancora operativi.


Il destino dei due gemelli

 Un membro silenzioso del team è ForeSight, il modello ingegneristico a grandezza naturale di InSight nel laboratorio di strumenti in situ di JPL . Gli ingegneri hanno utilizzato ForeSight per esercitarsi su come InSight dovesse posizionare gli strumenti scientifici sulla superficie marziana con il braccio robotico del lander, testare le tecniche per portare in profondità la sonda termica del lander e sviluppare modi per ridurre il rumore captato dal sismometro.

 ForeSight sarà imballato e riposto in un deposito. "Lo faremo con cura amorevole", ha detto Banerdt. "È stato un ottimo strumento, un ottimo compagno per noi durante l'intera missione."

 La NASA dichiarerà conclusa la missione quando InSight perderà due sessioni di comunicazione consecutive con i veicoli in orbita attorno a Marte, ma solo se la causa della mancata comunicazione è il lander stesso. Dopodiché, la Deep Space Network della NASA ascolterà per un po', per ogni evenienza.

Non ci saranno misure eroiche per ristabilire il contatto con InSight. Anche se un evento di salvataggio della missione, ad esempio una forte raffica di vento che pulisce i pannelli, non è fuori questione, è considerato improbabile.

Nel frattempo, finché InSight rimarrà in contatto, il team continuerà a raccogliere dati. "Continueremo a effettuare misurazioni scientifiche il più a lungo possibile", ha affermato Banerdt. “Siamo alla mercé di Marte. Il tempo su Marte non è pioggia e neve; il tempo su Marte è polvere e vento.

Letto: 425 volta/e Ultima modifica Giovedì, 03 Novembre 2022 04:22

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Gli ultimi articoli di Marco Di Lorenzo (DILO)

Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 31 gennaio

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 28 gennaio. Statistiche su...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB