Scritto: Sabato, 08 Ottobre 2022 05:20 Ultima modifica: Sabato, 08 Ottobre 2022 05:57

InSight minacciato da una tempesta di polvere


Il lander già ricoperto di sabbia, ora è minacciato da una tempesta di polvere delle dimensioni di un continente che si aggira sull'emisfero meridionale di Marte.

Rate this item
(3 votes)
L'ultimo selfie ripreso dal lander InSight il 24 aprile 2022, nel 1.211° sol della missione.
L'ultimo selfie ripreso dal lander InSight il 24 aprile 2022, nel 1.211° sol della missione.
Crediti: NASA/JPL-Caltech

Osservata per la prima volta il 21 settembre 2022 dal Mars Reconnaissance Orbiter (MRO) della NASA, la tempesta si trova a circa 3.500 chilometri da InSight e inizialmente ha avuto un impatto minimo sul lander. Ma i livelli di potenza a disposizione di InSight sono sempre più bassi a causa del notevole accumulo di polvere sui suoi pannelli solari. "Al 3 ottobre, la tempesta era diventata abbastanza grande e sollevava così tanta polvere che lo spessore della foschia polverosa nell'atmosfera marziana era aumentato di quasi il 40% intorno a InSight", ha detto la NASA nel comnunicato. "Con meno luce solare che raggiunge i pannelli del lander, la sua energia è scesa da 425 wattora per giorno marziano, o sol, a soli 275 wattora per sol". Ciò ha comportato una riduzione drastica delle possibilità di fare scienza. Finora, il sismometro è stato acceso per 24 ore a giorni alterni ma, con l'attuale tasso di ricarica delle batterie, si prevede che il lander potrà operare solo ancora per poche settimane. Lo strumento quindi ora verrà spento completamente per due settimane.

Il team aveva stimato che la missione di InSight sarebbe terminata tra la fine di ottobre di quest'anno e gennaio 2023, sulla base delle previsioni di quanto la polvere accumulata sui pannelli solari stava riducendo la produzione di energia. In ogni caso, il lander ha superato da tempo la missione primaria ed è ora vicino alla fine della sua missione estesa. Ha rilevato diversi terremoti marziani, grazie ai quali gli scienziati hanno potuto scoprire nuovi indizi sull'interno del pianeta e, perfino meteoriti impattare sulla superficie del pianeta.

Previsioni meteo

Ci sono segnali che questa grande tempesta regionale abbia raggiunto il picco ed sia entrata nella sua fase di decadimento. Lo strumento Mars Climate Sounder di MRO ha visto rallentare il riscaldamento atmosferico causato dalla polvere che assorbe la luce solare. E le nuvole di polvere osservate nelle immagini dalla fotocamera Mars Color Imager dell'orbiter, che crea mappe globali giornaliere del Pianeta Rosso ed è stato il primo strumento a individuare la tempesta, non si stanno espandendo così rapidamente come prima.

"Questa tempesta regionale non è una sorpresa: è la terza tempesta del suo genere che si è vista quest'anno", spiega la NASA. "In effetti, le tempeste di polvere di Marte si verificano in ogni momento dell'anno marziano, anche se molte di esse - e più grandi - si verificano durante l'autunno settentrionale e l'inverno, che sta volgendo al termine".
Questi eventi non sono violenti, i venti al massimo possono raggiungere i 97 chilometri orari, ma sono disordinati: lanciano polvere fluttuante in alto nell'atmosfera, che lentamente scende di nuovo al suolo, impiegando anche diverse settimane.
In rare occasioni, gli scienziati hanno visto tempeste di polvere locali, trasformarsi in globali e circondare il pianeta, come quella che scritto la parola "fine" per la missione del rover Opportunity nel 2018.

MRO ha trascorso 17 anni a raccogliere dati inestimabili su come e perché si formano queste tempeste. "Stiamo cercando di catturare gli schemi di queste tempeste in modo da poter prevedere meglio quando stanno per accadere", ha detto Richard Zurek, capo del Mars Program. "Scopriamo di più sull'atmosfera di Marte con ognuna che osserviamo".

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 645 volta/e Ultima modifica Sabato, 08 Ottobre 2022 05:57

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 7 febbraio

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 7 febbraio. Statistiche su...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB