Scritto: Lunedì, 08 Agosto 2022 05:22 Ultima modifica: Lunedì, 08 Agosto 2022 06:04

Spazzatura spaziale: un detrito SpaceX si schianta in Australia


Tre grandi detriti spaziali sono stati rinvenuti in un allevamento di pecore in Australia e sono stati confermati come "roba" della SpaceX.

Rate this item
(2 votes)
Un detrito della SpaceX conficcato nel terreno di una fattoria in Australia.
Un detrito della SpaceX conficcato nel terreno di una fattoria in Australia.
Crediti: Brad Tucker

I frammenti sono stati trovati incastonati nei terreni agricoli nella regione delle Snowy Mountains del New South Wales in Australia sabato 30 luglio 2022 e sono probabilmente parte del tronco espulso dalla navicella spaziale SpaceX Crew Dragon durante il ritorno della missione Crew-1 dalla Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Il detrito è rientrato nell'atmosfera terrestre il 9 luglio 2022. Lo stesso giorno la gente del posto ha riferito di aver sentito un forte boom sonico e di aver visto un arco di luce sfolgorante nel cielo.

Secondo l'Australian Broadcasting Corporation News, il primo dei detriti, uno spuntone alto 3 metri bruciato dal rientro, è stato trovato dall'allevatore di pecore locale Mick Miners nella sua fattoria a sud di Jindabyne. Poi, il suo vicino, Jock Wallace, ha scoperto un pezzo separato nelle vicinanze.

detrito australia spacex

Crediti: Brad Tucker

La capsula Crew Dragon è stata lanciata nel novembre 2020 per portare quattro astronauti della NASA in un viaggio di andata e ritorno verso la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Gli esperti ritengono che la spazzatura spaziale sia probabilmente del settore non pressurizzato del Crew Dragon, che era attaccato al lato più basso del veicolo spaziale ed è stato progettato per trasportare merci nello spazio e per supportare il veicolo durante il lancio. La metà di questo comparto era composta di pannelli solari per alimentare la navicella durante il volo e mentre era attraccata alla ISS. Questo comparto è stato intenzionalmente gettato via al rientro per rendere più facile il ritorno della Crew Dragon sulla Terra ma gli ingegneri avevano pianificato colpisse l'oceano, non una fattoria.

Questi detriti sono il più grande pezzo di spazzatura spaziale caduto in Australia da quando lo Skylab da 77 tonnellate, la prima stazione spaziale degli Stati Uniti, colpì il territorio nel 1979.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 636 volta/e Ultima modifica Lunedì, 08 Agosto 2022 06:04

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 novembre 2022

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 novembre. Statistiche s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB