Scritto: Sabato, 23 Giugno 2012 21:59 Ultima modifica: Venerdì, 04 Gennaio 2019 09:14

L'acqua sotto la superficie di Marte: tanta, quanto quella interna alla Terra


Più volte nelle pagine del nostro blog aliveuniverseimages.blogspot.com prima e di questo sito ora, con l'aiuto delle immagini dei rover Spirit ed Opportunity, abbiamo ribadito e sostenuto che l'acqua su Marte è presente oggi: sotto la superficie e con alcune particolari condizioni, in affioramento.
Abbiamo parlato di sabbie "sature", di apparente "umidità": è chiaro che sono termini da valutare con cautela e con le dovute proporzioni ma comunque, secondo noi appropriati.

Rate this item
(0 votes)

OPPORTUNITY Sol 1045 mic anaglyph fish
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

All'inizio di maggio, un nuovo studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters (http://dx.doi.org/10.1029/2011GL050192), sosteneva che su Marte era presente acqua allo stato liquido diversi miliardi di anni fa e che fosse così abbondante, da saturare la sabbia in determinare regioni.

Nello studio condotto da Michael Manga, della University of California di Berkeley e il suo team è emerso anche che Marte possedeva un'atmosfera almeno venti volte più densa di quella attuale.

Ora, sulla base degli studi condotti sui meteoriti marziani, i ricercatori del Carnegie Institution di Washington hanno scoperto che l'acqua era presente in quantità sorprendentemente simili alla Terra, all'interno del mantello del Pianeta Rosso (http://geology.gsapubs.org/content/early/2012/06/15/G33242.1.abstract).
L'acqua quindi, potrebbe aver trovato la sua strada dal sottosuolo verso la superficie scorrendo allo stato liquido.

La Terra oltre ad avere acqua superficiale ha anche acqua nella crosta e nel mantello: il contenuto di acqua della parte superiore del mantello subito sotto la crosta è tra le 50 e le 300 ppm (parti per milione). Questi sono gli stessi valori identificati per Marte dal team di ricerca studiando frammenti di roccia espulsi da pianeta a seguito di un impatto avvenuto 2.5 millioni di anni fa.
L'acqua immagazzinata all'interno del mantello di Marte potrebbe aver fatto la sua strada verso la superficie attraverso l'attività vulcanica, suggeriscono i ricercatori, ed aver creato ambienti favorevoli allo sviluppo della vita.

L'acqua è stata ottenuta da Marte, così come per la Terra, durante la formazione del pianeta: quindi, le basi di partenza sembrano essere state esattamente le stesse.

Questi recenti studi, ci aiutano ad avvalorare quella che da tempo è la nostra ipotesi: su Marte oggi c'è presenza di acqua e parte di essa potrebbe derivare da acque fossili ormai svincolate ancora presenti all'interno del pianeta, in discrete quantità. Le acque del sottosuolo riuscirebbero a raggiungere la superficie e in particolari condizioni, rimarrebbero allo stato liquido più a lungo e per un periodo sufficiente affinchè si possa creare un ambiente adatto alla vita.

Altre informazioni su questo articolo

Read 3398 times Ultima modifica Venerdì, 04 Gennaio 2019 09:14
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 29 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 29 Settembre [updated on S...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/9 - Sol 653] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista