Scritto: Sabato, 17 Dicembre 2011 11:34 Ultima modifica: Venerdì, 04 Gennaio 2019 08:46

Marte visto al Microscopic Imager


In questi anni, le immagini del Microscopic Imager (MI) dei rover Spirit e Opportunity sono passate troppo inosservate.
Cosa stiamo guardando esattamente con il MI?

Rate this item
(0 votes)

Il MI è una camera a fuoco fisso montata all'estremità del braccio dei rover.

Acquisisce immagini con una risoluzione di 30 μm per pixel, con una banda spettrale da 400 nm a 700 nm.

Il Microscopic Imager ha una profondità di campo relativamente piccola (+/- 3 mm) e lavora ad una distanza di 63 cm dal soggetto. Quindi per avere un'immagine definita, il braccio del rover esegue dei "sobbalzi" (in genere 3 o 4), di circa +/- 3 mm, in direzione ortogonale rispetto all'area presa in esame, scattando le foto. In questo modo ad ogni scatto viene messa a fuoco un'area diversa dell'immagine e, sovrapponendo poi i vari scatti, si ottiene il risultato più definito.

A titolo di esempio, nell'immagine di apertura, sono stati riportati alcuni riferimenti.

Ora che abbiamo chiarito i termini dimensionali, forse è possibile azzardare interpretazioni più concrete.

A nostro avviso, in molte delle immagini del Microscopic Imager, i rover non hanno ripreso solo rocce e strutture cristalline ma forme di vita. Forme di vita semplici, microrganismi o strutture micotiche. Forme di vita elementare che ormai, sappiamo per certo, sono in grado di svilupparsi e vivere anche in condizioni ambientali estreme. Alla fine, su Marte c'è acqua e luce a sufficienza affinchè la vita possa esistere: basta poi ricordare l'esperimento portato avanti sulla Stazione Spaziale Internazionale, durante il quale alcuni cianobatteri (OU-20) terrestri sono stati esposti al vuoto dello spazio, a cambi repentini di temperature, ai raggi cosmici e alla luce UV per 553 giorni, sopravvivendo.

Analizzando anni di immagini dei rover, abbiamo notato texture ricorrenti (filamenti, una sorta di pistilli e strutture trasparenti), affiancare qualche elemento più complesso.

Ecco uno dei tanti esempi disponibili nel nostro album su Flickr nella sezione Berries and around... (munirsi di occhiali 3D):

OPPORTUNITY sol 2678 MI anaglyph
"Courtesy NASA/JPL-Caltech." processing 2di7 & titanio44

Altre informazioni su questo articolo

Read 2707 times Ultima modifica Venerdì, 04 Gennaio 2019 08:46
Marco Faccin

Principale image editor su https://www.flickr.com/photos/lunexit/ che condivido con Elisabetta Bonora.
Collaboratore su Alive Universe Images.
Sono un grande osservatore e un abile tecnico, affascinano dagli argomenti di cui l'uomo conosce ancora molto poco, come l'Universo. Da molti anni mi dedico, per hobby, ad analizzare il materiale messo a disposizione dalle Agenzie Spaziali Internazionali. Immagini, audio, video, non importa, io cerco di tirar fuori sempre il meglio da ogni sequenza di bit!

https://www.flickr.com/photos/lunexit/ | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/7/20 - Sol 576] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista