Da un paio di settimane Curiosity è giunto su una ripida pendenza (quasi 27°, un record!) da dove gode di questo panorama. Il pendio costituisce il bordo settentrionale del cosiddetto "Greenhough Pediment" e qui il rover ha trivellato il target "Hutton", il cui materiale è attualmente in corso di analisi anche tramite uno spettrometro di massa. Nelle prossime settimane, Curiosity dovrebbe ricominciare a muoversi verso Est, tornando a percorrere la zona argillosa "Clay bearing Unity" per poi piegare a Sud costeggiando la regione ricca di solfati e dirigendosi infine verso la "Gediz Valley" alla base del Monte Sharp/Aelois; tutto questo, naturalmente, salvo intoppi e soprattutto ruote deteriorate permettendo!