Scritto: Martedì, 10 Settembre 2019 08:03 Ultima modifica: Martedì, 10 Settembre 2019 15:57

Una buona settimana ben contornata


 Nelle prime ore di oggi è giunta una nuova onda gravitazionale, ancora una fusione tra buco nero e stella di neutroni come quello del 14 Agosto. E' il ventisettesimo segnale da quando è partito l'attuale ciclo di osservazioni e conclude in bellezza una settimana particolarmente buona in termini di copertura. (Aggiornamento)

Rate this item
(0 votes)
Mappa celeste (in alto a sinistra) e spaziale (in alto a destra) dell'evento di stamattina. In basso a destra, la classificazione provvisoria dell'evento, in basso a sinistra, l'efficienza osservativa settimanale durante il ciclo osservativo O3. Mappa celeste (in alto a sinistra) e spaziale (in alto a destra) dell'evento di stamattina. In basso a destra, la classificazione provvisoria dell'evento, in basso a sinistra, l'efficienza osservativa settimanale durante il ciclo osservativo O3. Credits: LIGO/Virgo collaboration, GraceDB - Processing: Marco Di Lorenzo

 Update: Solo 7 ore dopo questo segnale, ne è arrivato un altro probabilmente prodotto dalla fusione di due stelle di neutroni (anche se l'origine terrestre non si può escludere). Dato che l'antenna di Hanford era stata spenta poco prima, solo Livingston l'ha rilevata; è la prima volta che un segnale viene visto con un solo rivelatore e, naturalmente, l'incertezza sulla direzione d'arrivo è massima (circa mezza volta celeste).

 Il segnale è stato rilevato dalle antenne LIGO ma non da Virgo e, sebbene l'incertezza sulla direzione sia ampia, sembra provenire dalla distanza di 2 miliardi di anni luce e da una regione di cielo non molto distante dal "doppio segnale" osservato il 28 agosto; purtroppo, per l'ennesima volta, non è stata osservata alcuna controparte elettromagnetica. Peraltro, la settimana che si è conclusa domenica scorsa si era aperta con un altro segnale ed è stata particolarmente positiva, l'unica in cui si è sempre avuto almeno uno strumento in funzione (ci si era andati molto vicino 3 settimane prima, quando le tre antenne sono state contemporaneamente spente per solo mezz'ora). Purtroppo, tra 3 settimane le antenne LIGO verranno fermate per l'intero mese di Ottobre, per un aggiornamento hardware che servirà principalmente ad allinearne le prestazioni; si ricomincerà ad osservare il 1 Novembre.

Per ulteriori dettagli, vedere la rubrica dedicata.

Altre informazioni su questo articolo

Read 381 times Ultima modifica Martedì, 10 Settembre 2019 15:57
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Latest from Marco Di Lorenzo (DILO)

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista