E' l'immagine infrarossa più ampia e profonda di questa regione, sede di intensa formazione stellare, e rivela molti più oggetti di massa planetaria di quanto ci si aspettava.

Dettagli: http://www.eso.org/public/italy/news/eso1625/