La luna potrebbe generare la giusta quantità di calore per supportare un oceano interno liquido, la cui presenza è supportata dalle simulazioni numeriche del bacino di impatto Herschel della luna, la caratteristica più evidente visibile sulla superficie notevolmente craterizzata. La struttura del bacino e la mancanza di tettonica su Mima sono compatibili con un guscio di ghiaccio che si assottiglia e un oceano geologicamente giovane.

"Nei giorni calanti della missione Cassini della NASA su Saturno, il veicolo spaziale ha identificato una curiosa librazione, o oscillazione, nella rotazione di Mima, che spesso indica un corpo geologicamente attivo in grado di supportare un oceano interno", ha affermato la dott.ssa Alyssa Rhoden di SwRI, uno specialista nella geofisica dei satelliti ghiacciati, in particolare quelli contenenti oceani, e dell'evoluzione dei sistemi satellitari dei pianeti giganti. Rhoden è anche la seconda autrice di un nuovo articolo di Geophysical Research Letters su questo argomento.

Mimas sembrava un candidato improbabile, con la sua superficie ghiacciata e fortemente craterizzata segnata da un gigantesco cratere da impatto che fa sembrare la piccola luna molto simile alla Morte Nera di Star Wars. Se Mimas ha un oceano, rappresenta una nuova classe di piccoli mondi oceanici "invisibili" con superfici che non tradiscono l'esistenza dell'oceano", sottolinea il comunicato.

Mima si va così ad aggiungere alla lunga lista di mondi oceanici conclamati del nostro Sistema Solare, come Encelado e Titano o la luna di Giove, Europa e a quelli potenziali, come la sorella Dione.

 

Cosa dicono i modelli

Rhoden ha lavorato con studentessa laureata Adeene Denton, che ha modellato la formazione del bacino di impatto Hershel utilizzando il software di simulazione iSALE-2D.

I modelli hanno mostrato che il guscio di ghiaccio di Mima doveva avere uno spessore di almeno 55 chilometri al momento dell'impatto che ha formato il cratere. Al contrario, le osservazioni e i modelli del suo riscaldamento interno limitano l'attuale spessore del guscio di ghiaccio a meno di 30 chilometri. Questi risultati implicano che un oceano attuale all'interno di Mima deve essersi riscaldato ed espanso dal momento della formazione. È anche possibile che la luna fosse completamente congelata sia al momento dell'impatto Herschel che ora. Tuttavia, Denton ha scoperto che l'inclusione di un oceano interno nei modelli di impatto, contribuisce a produrre la forma esatta del bacino.

"Abbiamo scoperto che Herschel non avrebbe potuto formarsi in un guscio di ghiaccio allo spessore attuale senza cancellare il guscio di ghiaccio nel sito dell'impatto", ha detto Denton. “Se Mima ha un oceano oggi, il guscio di ghiaccio si è assottigliato dalla formazione di Herschel, il che potrebbe anche spiegare la mancanza di fratture su Mima. Se Mima è un mondo oceanico emergente, ciò pone importanti vincoli alla formazione, all'evoluzione e all'abitabilità di tutte le lune di medie dimensioni di Saturno".

"Sebbene i nostri risultati supportino un oceano attuale all'interno di Mima, è difficile riconciliare le caratteristiche orbitali e geologiche della luna con la nostra attuale comprensione della sua evoluzione termo-orbitale", ha detto Rhoden. “Valutare lo status di Mima come luna oceanica servirebbe a confrontare i modelli della sua formazione ed evoluzione. Questo ci porterebbe a comprendere meglio gli anelli di Saturno e le lune di medie dimensioni, nonché la prevalenza di lune oceaniche potenzialmente abitabili, in particolare su Urano. Mima è un obiettivo irresistibile per indagini continue".