Scritto: Giovedì, 27 Marzo 2014 05:57 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Chariklo: l'asteroide con gli anelli!


In queste ultime ore, sembrano arrivare grandi notizie dalle regioni più lontane del nostro Sistema Solare!

Gli scienziati hanno scoperto il primo oggetto non planetario ad avere un proprio sistema di anelli.

La roccia spaziale, Chariklo, un asteroide in orbita intorno al Sole, tra Saturno ed Urano, sfoggia a sorpresa una coppia di anelli, probabilmente un insieme di detriti rimasti in orbita intorno all'asteroide a seguito di una collisione.

Rate this item
(0 votes)

Il sistema di anelli di Chariklo

Credit: ESO/L. Calçada/Nick Risinger

In queste ultime ore, sembrano arrivare grandi notizie dalle regioni più lontane del nostro Sistema Solare!

Gli scienziati hanno scoperto il primo oggetto non planetario ad avere un proprio sistema di anelli.

La roccia spaziale, Chariklo, un asteroide in orbita intorno al Sole, tra Saturno ed Urano, sfoggia a sorpresa una coppia di anelli, probabilmente un insieme di detriti rimasti in orbita intorno all'asteroide a seguito di una collisione.

Ma la scoperta potrebbe essere duplice: i ricercatori ritengono, infatti, che Chariklo possieda una luna ancora sconosciuta, in grado di mantenere il sistema stabile.

"Non eravamo alla ricerca di anelli e non pensavamo che corpi piccoli come Chariklo li avessero, quindi la scoperta e l'incredibile quantità di dettagli che abbiamo visto, è arrivata completamente come una sorpresa", ha dichiarato Felipe Braga-Ribas, dell'Osservatorio nazionale del Brasile.

Chariklo, con un diametro di 250 chilometri, è il più grande membro di una classe nota come i Centauri, oggetti in orbita intorno al Sole, troppo piccoli (con una massa troppo bassa) perché la propria gravità li porti ad assumere una forma quasi sferica.

"Questa scoperta indica che la dimensione non è importante per avere o no gli anelli", ha sottolineato Braga-Ribas.

Il 3 giugno 2013, Braga-Ribas ha guidato un team di astronomi nelle osservazioni di Chariklo mentre bloccava la luce di una stella lontana, UCAC4 248-108672, in un transito visibile dall'America meridionale.
Nel momento in cui l'asteroide sarebbe passato davanti alla stella, la squadra avrebbe potuto ottenere maggiori dettagli sull'oggetto.

Un leggero abbassamento della luminosità della stella, prima e dopo l'occultazione vera e propria, però, ha suscitato subito particolare interesse: sembrava che qualcosa fosse in orbita intorno all'asteroide.
Così, confrontando i dati rilevati da ben sette telescopi, tra cui il TRAPPIST all'Osservatorio dell'ESO di La Silla in Cile, l'unico che è stato in grado di vedere lo spazio tra gli anelli grazie alla veloce fotocamera ultrasensibile "Lucky Imager" che ha catturato un video con 10 immagini al secondo, gli scienziati hanno potuto identificare gli anelli, la loro forma, le dimensione e l'orientamento.

Chariklo: sistema di anelli

Credit: ESO/L. Calçada/M. Kornmesser/Nick Risinger

L'equipe ha scoperto che il sistema è formato da due anelli ben confinati, larghi solo sette e tre chilometri rispettivamente, separati da un ben preciso intervallo di nove chilometri.

Dalla superficie dell'asteroide, "sarebbero due anelli taglienti, davvero luminosi e spettacolari che attraversano tutto il cielo", ha detto Braga-Ribas. "Sarebbero notevolmente vicino, in quanto sono a circa 1/1.000 della distanza della Luna da noi", ha aggiunto.

Braga-Ribas ipotizza che, visti dalla superficie di Chariklo, l'anello più interno potrebbe bloccare la vista di quello più esterno, perché questi anelli sono simili a quelli di Saturno, molto densi, luminosi e composti principalmente da rocce e ghiaccio d'acqua.

"L'intero sistema Chariklo starebbe circa 12 volte nella Divisione di Cassini", spiega Braga-Ribas per avere un confronto.

Una differenza sarebbe, però, nella velocità con cui il materiale orbita intorno al corpo: le particelle di Chariklo viaggiano molto più lentamente, solo alcune decine di metri al secondo, contro le decine di chilometri al secondo di quelle negli anelli di Saturno.

Chariklo, comunque, non sembra avere nulla di speciale rispetto ad altri corpi simili, tanto da far ipotizzare che i sistemi di anelli potrebbero essere molto più diffusi di quanto ipotizzato, anche per oggetti non planetari.

La ricerca è stata pubblicata il 26 marzo sulla rivista Nature.

Letto: 2210 volta/e Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 12 Aprile 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 11/4 - Sol 843] - Meteoro...

Perseverance odometry

Perseverance odometry

I progressi del quinto rover NASA su Marte (aggior...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

Aggiornato il 8/4/21. Le manovre della sonda ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Aprile [updated on 04/1...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 10Aprile [Last update: ...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 10 Aprile [Last update...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista