Scritto: Venerdì, 21 Marzo 2014 06:06 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

La Via Lattea a 360 gradi vista dal telescopio della NASA Spitzer


E' periodo di grandi mosaici!
Se siete rimasti colpiti dal fantastico LROC Northern Polar Mosaic (LNPM) del Polo Nord della Luna, impossibile non apprezzare questa fantastica composizione a 360 gradi della Via Lattea, presentata ieri, in occasione della conferenza TEDActive 2014, a Vancouver, Canada.

Il mosaico, realizzato dalla NASA assemblando per la prima volta le immagini della nostra Galassia ottenute con il telescopio spaziale Spitzer, è a 20 gigapixel ed utilizza la piattaforma di visualizzazione Microsoft WorldWide Telescope.

Rate this item
(0 votes)

NASA Spitzer - mosaico della Via Lattea

Credit: NASA/JPL-Caltech/University of Wisconsin

E' periodo di grandi mosaici!
Se siete rimasti colpiti dal fantastico LROC Northern Polar Mosaic (LNPM) del Polo Nord della Luna, impossibile non apprezzare questa fantastica composizione a 360 gradi della Via Lattea, presentata ieri, in occasione della conferenza TEDActive 2014, a Vancouver, Canada.

Il mosaico, realizzato dalla NASA assemblando per la prima volta le immagini della nostra Galassia ottenute con il telescopio spaziale Spitzer, è a 20 gigapixel ed utilizza la piattaforma di visualizzazione Microsoft WorldWide Telescope.

Via Lattea e Sistema SolareLa Via Lattea è un piatto disco a spirale e il nostro Sistema Solare si trova un po' verso l'esterno in uno dei bracci a spirale. Quando guardiamo verso il centro della nostra Galassia, vediamo una regione polverosa, affollata e stracolma di stelle.
Il mosaico si concentra proprio sulla fascia intorno alla Terra dove si trova il piano galattico, ossia quella fascia arcuata di stelle concentrate che possiamo osservare in una notte buia. Così, pur riprendendo solo i 3 per cento del cielo, in realtà comprende più della metà di tutte le stelle della Via Lattea.

Il nuovo panorama fa parte del progetto GLIMPSE360 (Galactic Legacy Infrared Mid-Plane Survey Extraordinaire) ed è realizzato con oltre 2 milioni di istantanee scattate nelle lunghezze d'onda dell'infrarosso, in 10 anni, a partire dal 2003, anno in cui è stato lanciato lo Spitzer, periodo durante il quale il telescopio ha trascorso 4.142 ore (172 giorni) riprendendo foto della Via Lattea.

Le immagini in infrarosso permettono di ottenere molti dettali in più rispetto a quanto può essere percepito nelle lunghezze d'onda del visibile. Ad esempio, osservando il cielo notturno riusciamo a vedere stelle fino a 1.000 anni luce di distanza, mentre il mosaico dello Spitzer si estende per oltre 100.000 anni luce.

Il colore rosso indica le zone più polverose di formazione stellare.

Le composizioni GLIMPSE360 sono disponibili online: http://www.spitzer.caltech.edu/glimpse360

Read 5558 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista