Scritto: Sabato, 13 Agosto 2022 05:17 Ultima modifica: Sabato, 13 Agosto 2022 06:26

Hubble osserva la ripresa di Betelgeuse


Analizzando i dati del telescopio spaziale Hubble e di molti altri osservatori, gli astronomi hanno concluso che la stella supergigante rossa Betelgeuse ha perso una porzione sostanziale della sua superficie visibile nel 2019 e ora, sta tornando alla normalità.

Rate this item
(4 votes)
Questa illustrazione traccia i cambiamenti nella luminosità della stella supergigante rossa Betelgeuse, in seguito all'espulsione di massa titanica di un grande pezzo della sua superficie visibile.
Questa illustrazione traccia i cambiamenti nella luminosità della stella supergigante rossa Betelgeuse, in seguito all'espulsione di massa titanica di un grande pezzo della sua superficie visibile.
Crediti: NASA/ESA

Eventi esplosivi noti come espulsioni di massa coronale, o Coronal Mass Ejection (CME), avvengono regolarmente sul nostro Sole ma la gigantesca espulsione di massa superficiale, Surface Mass Ejection (SME), di Betelgeuse è qualcosa che nessuno aveva mai visto prima: ha fatto esplodere una massa 400 miliardi di volte superiore a quella di un tipico CME. La stella, ora, si sta ancora riprendendo lentamente da questo sconvolgimento catastrofico.

Queste nuove osservazioni forniscono indizi su come le supergiganti rosse perdono massa in tarda età quando hanno esaurito il materiale per la fusione nucleare al loro interno e prima di esplodere come supernove. La quantità di perdita di massa influisce in modo significativo sul loro destino. Tuttavia, il comportamento vivace di Betelgeuse non è una prova di un'esplosione imminente.

Gli scienziati del Center for Astrophysics | Harvard & Smithsonian, guidati da Andrea Dupree, stanno cercando di mettere insieme le tessere del puzzle per ricostruire la storia di una stella che invecchia. "Non abbiamo mai visto un'enorme espulsione di massa dalla superficie di una stella", ha detto Dupree.
Il team si sta basando sui dati spettroscopici e di imaging dall'osservatorio robotico STELLA, dal Tillinghast Reflector Echelle Spectrograph (TRES) dell'Osservatorio Fred L. Whipple, dalla navicella spaziale Solar Terrestrial Relations Observatory (STEREO-A) della NASA, dal telescopio spaziale Hubble della NASA e dall'American Association of Variable Osservatori stellari (AAVSO). Dupree ha sottolineato che i dati di Hubble sono stati fondamentali per aiutare a risolvere il mistero.

 

Un'esplosione gigantesca

L'esplosione titanica nel 2019 è stata probabilmente causata da un pennacchio convettivo, largo più di un milione e mezzo di chilometri, che ribolle dal profondo della stella. Questo ha prodotto shock e pulsazioni che hanno fatto esplodere il pezzo di fotosfera lasciando la stella con un'ampia superficie fresca sotto la nuvola di polvere scaturita dallo SME. Betelgeuse ora sta lottando per riprendersi da questo evento.

Il pezzo di fotosfera distaccato, grande diverse volte la nostra Luna, sta ora vagando nello spazio e si sta raffreddando, formando quella nuvola di polvere che ha bloccato la luce della stella vista dagli osservatori della Terra.  L'oscuramento, iniziato alla fine del 2019 ed è durato alcuni mesi, è stato facilmente rilevato dai nostri osservatori. Inoltre, sempre a causa dello scoppio, si è interrotta quella frequenza di pulsazione di 400 giorni nelle variazioni di luminosità e nei movimenti della superficie, osservata dagli astronomi per quasi 200 anni.

Gli spettri TRES e Hubble implicano che gli strati esterni potrebbero essere tornati alla normalità, ma la superficie continua a rimbalzare come un piatto di gelatina da dessert mentre la fotosfera si ricostruisce.

Sebbene il sole abbia espulsioni di massa coronale che soffiano via piccoli pezzi dell'atmosfera esterna, gli astronomi non hanno mai assistito a una così grande quantità di superficie visibile di una stella che viene esplosa nello spazio. Pertanto, le espulsioni di massa superficiale e le espulsioni di massa coronale possono essere eventi molto diversi.

Betelgeuse è ora così grande che se sostituisse il Sole al centro del nostro Sistema Solare, la sua superficie esterna si estenderebbe oltre l'orbita di Giove.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 630 volta/e Ultima modifica Sabato, 13 Agosto 2022 06:26

Ti è piaciuto questo articolo?

Seguici anche su Google News

Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore e l'image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno" (segui su LinkedIn le mie attività professionali).
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi essere registrato e fare login per inserire un commento.

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

coelum logo

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 27 novembre 2022

StatisticaMENTE

Perseverance odometry

Perseverance odometry

Odometria e altri dati del rover e del drone Ingen...

ISS height

ISS height

Parametri orbitali della Stazione Spaziale interna...

Tiangong orbit

Tiangong orbit

Evoluzione dell'orbita della Stazione Spaziale Cin...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 16 novembre. Statistiche s...

LIBRO CONSIGLIATO

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta Bonora 

SE8606 GiornalismoScientifico RGB