Scritto: Giovedì, 09 Gennaio 2014 05:58 Ultima modifica: Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15

ROXs 42Bb un oggetto astronomico inclassificabile


E' decisamente un puzzle astronomico l'oggetto scoperto a 500 anni luce dal Sole dagli astrofisici dell'Università di Toronto.

Orbita vicino ad una giovane stella a circa 440 anni luce dal Sole e sta mettendo a dura prova le classificazioni dei corpi celesti che conosciamo.

Rate this item
(0 votes)

ROXs 42Bb

Credit: Thayne Currie

E' decisamente un puzzle astronomico l'oggetto scoperto a 500 anni luce dal Sole dagli astrofisici dell'Università di Toronto.

Orbita vicino ad una giovane stella a circa 440 anni luce dal Sole e sta mettendo a dura prova le classificazioni dei corpi celesti che conosciamo.

"Abbiamo misure molto dettagliate di questo oggetto su un arco temporale di sette anni, anche spettri che rilevano la sua gravità, temperatura e composizione molecolare ma ancora non riusciamo a determinare se si tratta di un pianeta o di una stella fallita, quella che chiamiamo nana bruna", spiega Thayne Currie del Dipartimento di Astronomia e Astrofisica dell'Università di Toronto, autore di uno studio pubblicato questa settimana sulla rivista Astrophysical Journal Letters.

Chiamato ROXs 42Bb, dalla vicinanza con la stella ROXs 42B, l'oggetto ha una massa pari a nove volte quella di Giove, ben al di sotto del limite che gli astronomi considerano per dividere i pianeti dalle nane brune, ma si trova trenta volte più lontano dalla stella ROXs 42B, rispetto alla distanza Giove - Sole.

"Questa situazione è un po' diversa dal decidere se Plutone è un pianeta", spiega Currie. "Qui, si tratta di un oggetto così massiccio eppure così lontano dalla sua stella. E se è un pianeta, come si è formato?"

Il modello riconosciuto per l'accrescimento planetario prevede la formazione dei planetesimi a partire dal disco protoplanetario, fin quando le collisioni tra loro creano oggetti di una massa sufficiente ad attirare grandi quantità di gas. In questo caso, più il pianeta è vicino alla stella e più efficiente è la formazione del nucleo.
Un'altra teoria ipotizza, invece, un'instabilità del disco protoplanetario che collasserebbe sotto la propria gravità, formando un nuovo pianeta e questo meccanismo funzionerebbe anche più lontano dalla stella madre.

Ma ROXs 42Bb sembra essere nel mezzo della classificazione standard:
"E' molto difficile immagine come questo oggetto possa essersi formato come ha fatto Giove e la sua massa è anche troppo ridotta per essere una nana bruna. L'instabilità del disco potrebbe funzionare a quella distanza e ROXs 42Bb potrebbe rappresentare una nuova classe di pianeti o potrebbe essere una rara nana bruna con una massa molto bassa".

Read 3852 times Ultima modifica Sabato, 27 Dicembre 2014 21:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 23 ottobre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 22 ottobre [Last updat...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 22/10 - Sol 676] - Meteor...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 21/10/20 ore 00:22). HOT! ...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 17 Ottobre [updated on Oct,17]...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista