Scritto: Venerdì, 27 Novembre 2020 05:45 Ultima modifica: Sabato, 28 Novembre 2020 10:31

Raggi crepuscolari da un buco nero


La luce prodotta dall'accrescimento del buco nero può creare giochi di ombre e di luce visibili in tutta la galassia ospite. L'effetto, simile a quanto vediamo a volte durante il crepuscolo sulla Terra, sarebbe stato immortalato nelle immagini riprese dal telescopio spaziale Hubble.

Rate this item
(1 Vote)
Raggi crepuscolari da un buco nero Crediti: NASA, ESA, STScI

 Quando un buco nero si nutre viene rilasciata un'enorme quantità di energia, producendo potenti getti di luce dal gas surriscaldato. Questi voraci mostri dell'universo si nutrono di luce e materia trascinando stelle, altri corpi e gas in un vorticoso disco (disco di accrescimento) che li circonda. Tali strutture però non possono essere studiate direttamente perché i buchi neri conosciuti sono troppo lontani per i telescopi attuali. Tuttavia, gli astronomi potrebbero aver ottenuto indizi del disco di accrescimento nella vicina IC 5063, una galassia di tipo Seyfert con un nucleo galattico attivo (AGN) a 156 milioni di anni luce dalla Terra. Due immagini riprese dal telescopio spaziale Hubble mostrano raggi luminosi e ombre scure irradiarsi dal centro galattico. L'effetto potrebbe essere dovuto al toroide polveroso che proietta la propria ombra sulla polvere e sul gas alla periferia della galassia.

 

Raggi crepuscolari

 Alcune delle viste più spettacolari nel cielo terrestre si verificano all'alba e al tramonto, quando la luce del Sole ormai vicino all'orizzonte filtra tra le nuvole, proiettando fasci chiaro-scuri nell'atmosfera. In questo caso, i raggi luminosi provenienti dalla nostra stella si alternano ai coni d'ombra creati dalla nuvole. Ma un effetto simile è presente anche in alcune immagini Hubble della galassia IC 5063. riprese il 7 marzo e il 25 novembre 2019 dalla Wide Field Camera 3 e dalla Advanced Camera for Surveys.

Coni di luce

Diversi modelli possono spiegare la presenza di strutture radiali chiare e scure in alcune galassie con nucleo galattico attivo; una di esse (in alto a destra) prevede la presenza di dischi multipli di accrescimento quasi perpendicolari rispetto al piano galattico. - Credits:Maksym et al."/ApJL

 Sebbene i ricercatori abbiano sviluppato diverse teorie plausibili per lo spettacolo visibile in queste foto, l'idea più intrigante è che il disco di accrescimento, una sorta di ciambella di polvere che circonda il buco nero, stia proiettando la sua ombra nello spazio. Lo studio, pubblicato su The Astrophysical Journal Letters, è stato condotto da un team guidato da Peter Maksym del Center for Astrophysics | Harvard & Smithsonian (CfA).

 Secondo lo scenario proposto da Maksym, il disco di polvere attorno al buco nero non blocca tutta la luce. Gli spazi vuoti nel disco consentono alla luce di irradiarsi, creando raggi brillanti a forma di cono, simili a quelli osservabili durante i tramonti terrestri ma su scala molto più grande. Secondo le stime, si rendono visibili illuminando polvere e gas della galassia fino a 36000 anni luce. Di contro, la luce intercettata dalle zone dense dell'anello, crea ombre nello spazio simili a dita scure e che sembrano muoversi anche molto più rapidamente della luce. In questo caso, luci ed ombre sono visibili perché l'equatore del buco nero ed il suo anello di accrescimento sono inclinati rispetto al piano della galassia.

IC5063 buco nero raggi crepuscolari

Crediti: NASA/ESA/A. Barth/J. Schmidt - Processing: Marco Di Lorenzo

 Questo gioco di luci e ombre offre una visione unica della distribuzione del materiale che circonda il buco nero, se l'interpretazione è corretta. 

 "Sono davvero eccitato", ha commentato Maksym, "perché l'idea che sia l'ombra del toroide non credo sia mai stata verificata primaScientificamente, ci sta mostrando qualcosa che è difficile, se non impossibile, vedere direttamente. Sappiamo che questo fenomeno dovrebbe accadere, ma in questo caso possiamo vederne gli effetti in tutta la galassia. Sapere di più sulla geometria del disco avrà implicazioni per chiunque cerchi di capire il comportamento dei buchi neri supermassicci e del loro ambiente circostante. Man mano che una galassia evolve, essa viene modellata dal suo buco nero centrale".
 Lo studio del toroide è importante perché incanala il materiale verso il buco nero. Se l'idea è valida, i raggi scuri forniscono una prova indiretta che il disco in IC 5063 potrebbe essere molto sottile, il che spiega perché la luce può filtrare attraverso di esso. "È possibile che la deformazione [del disco dovuta alle grandi forze interne], crei spazi abbastanza grandi da far passare parte della luce, e mentre il toroide ruota, i fasci di luce potrebbero attraversare la galassia come fari nella nebbia", ha aggiunto Maksym.

3 strangeraysc

Crediti: NASA, ESA, STScI and W.P. Maksym (CfA)

 

Citizen Science

La scoperta è arrivata grazie a Judy Schmidt, un'stronoma dilettante amante del processing delle immagini Hubble. Schmidt ha scoperto le ombre rielaborando le foto del 2019 prese dall'archivio ufficiale. Maksym è tra i suoi follower su Twitter e, proprio sul social, ha visto la sorprendente elaborazione.

Le immagini più vecchie raccolte dai telescopi terrestri forse già mostravano indizi di questa struttura ma è solo grazie alla vista acuta di Hubble che il dettaglio è venuto alla luce.

Realizzato con il contributo di Marco Di Lorenzo

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 155 volta/e Ultima modifica Sabato, 28 Novembre 2020 10:31
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Massimo Martini Domenica, 29 Novembre 2020 02:11 posted by Massimo Martini

    Ho assistito, questa estate, al fenomeno atmosferico di questo tipo... è stato incredibile. Ma immaginare che la stessa cosa possa accadere su dimensioni galattiche sfida, veramente, i limiti del nostro cervello!

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista