Scritto: Martedì, 24 Novembre 2020 07:53 Ultima modifica: Mercoledì, 25 Novembre 2020 06:16

Venere e la fosfina della discordia: c'è ma meno del previsto


Il team responsabile del popolare annuncio del 14 settembre 2020, ha rianalizzato i dati ALMA, concludendo che c'è effettivamente fosfina nell'atmosfera di Venere ma meno di quanta inizialmente stimata.

Rate this item
(1 Vote)
Venere e la fosfina della discordia: c'è ma meno del previsto Crediti: Greg Prichard

Nei giganti gassosi, come Giove e Saturno, la fosfina non è una rarità perché viene rilasciata nei processi che avvengono in profondità a temperature e pressioni elevate. Ma sui mondi rocciosi, non esistono modi abiotici noti (attività geologica, chimica planetaria…) in grado di produrre il gas. Sulla Terra, può essere solo di origine antropica o microbica. Pertanto, la sua identificazione tra le nuvole venusiane è stata interpretata come una possibile biofirma. È stata rilevata in una fascia tra i 50 ed i 60 chilometri di quota nell'atmosfera del pianeta, dove le condizioni ambientali sono più miti.

Di conseguenza, non ci si deve stupire se la dichiarata identificazione della fosfina tra le nuvole venusiane ha scatenato eccitazione e dubbi nella comunità scientifica.

Il team della scoperta, guidato dalla professoressa Jane Greaves dell'Università di Cardiff, aveva fatto di tutto per rendere i propri risultati affidabili. In particolare, la doppia rilevazione, con il James Clerk Maxwell Telescope (JCMT) e l'Atacama Large Millimeter / submillimeter Array (ALMA) avrebbe dovuto garantire almeno l'effettiva presenza del gas. Tuttavia, alcuni punti della ricerca non hanno convinto tutti, come il rilevamento basato su una sola linea spettrale e la grande manipolazione eseguita sui dati originali per estrapolare il debole segnale. Alcuni gruppi hanno supportato la scoperta, per esempio analizzando i database delle vecchie missioni ma altri hanno condotto studi indipendenti arrivando a conclusioni completamente diverse. Un gruppo non è riuscito a trovare prove di fosfina né nei dati JCMT, né in quelli ALMA, suggerendo che il segnale della fosfina potrebbe essere attribuito all'anidride solforosa, che genera una linea spettrale nello stesso punto. Analogamente, un'altra analisi indica che l'eccessiva matematica applicata ai dati per rimuovere il rumore avrebbe introdotto spurie e falsi segnali scambiati per fosfina.

Oltre a questo, è stato dichiarato che l'osservatorio ALMA aveva identificato un errore nel suo sistema di calibrazione che ha prodotto uno spettro di Venere con molto rumore.
Tuttavia, non appena i dati corretti di ALMA sono stati rilasciati il 16 novembre, la risposta pubblica alle critiche di Greaves e colleghi non è tardata ad arrivare.

A differenza del primo documento, in questo secondo rapporto pubblicato su arXiv, il team descrive il proprio risultato come "provvisorio".
I dati sono stati rielaborati in una sola notte e presentati alla conferenza organizzata dal Venus Exploration Analysis Group (VEXAG), un forum NASA che si è tenuto il 17 novembre scorso.
"Abbiamo lavorato come matti", ha dichiarato Greaves durante l'incontro.

Secondo la nuova pubblicazione, la fosfina c'è ma solo in una concertazione media di circa 1 parte per miliardo, circa un settimo della stima precedente.
Secondo gli autori i livelli del gas potrebbero aumentare e diminuire nel tempo in diversi punti del pianeta, raggiungendo il picco di 5 parti per miliardo, un po' come il metano su Marte che appare e scompare in quantità variabili. Ma, per ora, la saga continua e probabilmente questa scoperta rimarra dubbia fino a quando non invieremo una nuova missione tra le nuvole venusiane.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 133 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 25 Novembre 2020 06:16
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista