Scritto: Martedì, 27 Ottobre 2020 04:57 Ultima modifica: Mercoledì, 28 Ottobre 2020 05:15

SOFIA scopre acqua sulla Luna nel cratere Clavius


L'osservatorio della NASA SOFIA (Stratospheric Observatory for Infrared Astronomy) è riuscito a discriminare molecole d'acqua nel cratere Clavius e nel terreno circostante, sotto la luce diretta del Sole. Questa è la prima volta che si ha evidenza della presenza di H2O al di fuori dei freddi crateri polari perennemente ombreggiati.

Rate this item
(0 votes)
SOFIA scopre acqua sulla Luna nel cratere Clavius Crediti: NASA/Daniel Rutter

La scoperta è avvenuta per un'osservazione fortuita eseguita il 31 agosto 2018 sul bacino di circa 230 chilometri di diametro, situato nella parte sud-occidentale del lato della Luna rivolto verso la Terra.

SOFIA è un telescopio che viaggia a bordo di un Boeing 747SP modificato. Vola nella stratosfera terrestre tra gli 11.500 ed i 13.700 metri di quota, al di sopra di quella fascia umida di atmosfera dove il vapore acqueo blocca quasi completamente gli infrarossi. Il team lo ha puntato verso la Luna per un esperimento, incontrando notevoli difficoltà. Il nostro satellite, infatti, è troppo vicino alla Terra mentre SOFIA è nato per osservare il Sistema Solare ed oggetti lontani nell'universo: la Luna saturava l'intero campo visivo. Eppure la Faint Object infraRed CAmera for the SOFIA Telescope (FORCAST) ha fatto una scoperta sensazionale riuscendo a discriminare molecole d'acqua, alla lunghezza d'onda specifica di 6,1 micron. Queste si trovano in concentrazioni da 100 a 412 parti per milione, corrispondenti più o meno a 0,35 litri, intrappolate in un metro cubo di terreno.

L'annuncio solleva molte nuove domande perché finora si riteneva che l'acqua sulla Luna potesse esistere solo nelle cosiddette "trappole fredde" ai poli, ossia quei crateri che non vedono mai la luce del Sole.
Precedenti osservazioni avevano rilevato la presenza di idrogeno sulla superficie lunare ma non erano stati in grado di distinguere se si trattava effettivamente di acqua o ossidrile (OH).
"Avevamo indicazioni che la familiare acqua che conosciamo fosse presente sul lato soleggiato della Luna", ha detto Paul Hertz, direttore della Divisione Astrofisica presso il Science Mission Directorate della NASA. "Ora sappiamo che è lì. Questa scoperta sfida la nostra comprensione della superficie lunare".

Diversi potrebbero essere i processi che portano alla creazione ed alla conservazione di H2O sulla superficie del nostro satellite. L'acqua potrebbe arrivare sulla Luna con i micrometeoriti, Oppure potrebbe formarsi attraverso un processo in due fasi, a causa dell'interazione del vento solare con i minerali del terreno contenenti ossigeno, successivamente bombardati dai micrometeoriti. Quindi, potrebbe rimanere intrappolata in piccole sferule genera dal calore rilasciato durante i micro-impatti, oppure potrebbe nascondersi tra i granelli di terreno al riparo dal Sole.

I voli di follow-up di SOFIA cercheranno l'acqua in ulteriori luoghi soleggiati e durante le diverse fasi lunari per saperne di più su come l'acqua viene prodotta, immagazzinata e spostata.
Questi risultati si andranno a sommare alle prossime missioni del programma Artemis, come quella del rover VIPER che cercherà acqua al polo sud nel 2023. 

La scoperta ha il potenziale per stravolgere i nuovi piani di conquista lunare, il programma Artemis e l'International Lunar Research Station (ILRS) cinese che finora si sono concentrati sul polo sud dove si riteneva che le risorse, acqua compresa, fossero più facilmente accessibili.

Leggi anche il mio articolo su #oggiscienza.

Altre informazioni su questo articolo

Letto: 201 volta/e Ultima modifica Mercoledì, 28 Ottobre 2020 05:15
Elisabetta Bonora

Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing. Nel tempo libero sono un'incontenibile space enthusiast e mamma di Sofia Vega.
Mi occupo di divulgazione scientifica, attraverso questo web, collaborazioni con riviste del settore ed image processing delle foto provenienti dalle missioni robotiche. Appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro. Nel 2019 è uscito il mio primo libro "Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno".
Amo le missioni robotiche inviate nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

I campi con l'asterisco (*) sono obbligatori. Il codice HTML non è abilitato.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2021. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 25 gennaio [updated on Jan,25]...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 25/1/21 - Sol 768] - Mete...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 25 gennaio [Last updat...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 25 Gennaio [Last ...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

 Dove si trovano le tre sonde lanciate a Lugl...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista