Scritto: Sabato, 20 Giugno 2020 11:41 Ultima modifica: Sabato, 20 Giugno 2020 06:28

Tecnosignature VS biosignature per trovare ET


E se un pianeta alieno avesse ospitato o ospitasse vita intelligente che ha sviluppato capacità tecnologiche? Secondo gli scienziati, le tecnosignature sarebbero molto più facili da rilevare rispetto alle biosignature.

Rate this item
(0 votes)
Tecnosignature VS biosignature per trovare ET Crediti: NASA/JPL-Caltech

Nel 1995 una coppia di scienziati annunciò la scoperta del primo pianeta extrasolare, un gigante gassoso in orbita attorno alla stella 51 Pegasi. Da allora gli esopianeti confermati sono diventati più di 4.000, tra questi alcuni sono rocciosi e potrebbero avere condizioni favorevoli alla vita. Nell'ultimo decennio, gli astronomi hanno fatto un grande sforzo per capire quali biosignature, ossia quali sostanze o fenomeni potessero essere rilevati ad anni luce di distanza e potessero essere utilizzati per confermare la presenta di vita extraterrestre. Tuttavia, secondo Adam Frank, professore di fisica e astronomia all'Università di Rochester, rilevare tecnosignature, cioè gli effetti che può generare un'evoluzione tecnologica, sarebbe ancora più semplice. Una sovvenzione NASA finanzierà il suo studio sulla ricerca delle tecno-firme.

Questa potrebbe essere la nuova frontiera della ricerca dell'intelligenza extraterrestre (SETI).
Il presupposto è intrigante e condivisibile, basta guarda quanto le attività umane sulla Terra hanno alterato e continuano a cambiare questo pianeta.
Secondo Frank, qualsiasi civiltà, per sua natura, dovrà trovare un modo per produrre energia e,"dopotutto, non ci sono così tante forme di energia nell'universo. Gli alieni non sono dei maghi".

Il team utilizzerà il finanziamento per identificare come cercare tecnologiche aliene simili alle nostre o molto più avanzate.
Il progetto inizierà prendendo in considerazione due diverse possibili tecnosignature:

  • Pannelli solari. Le stelle sono uno dei più potenti generatori di energia nell'universo. Sulla Terra, sfruttiamo l'energia della nostra stella, il Sole, quindi "l'uso dell'energia solare sarebbe una cosa abbastanza naturale da fare anche per altre civiltà", spiega Frank.
    Se un popolo utilizzasse molti pannelli solari, il pianeta avrebbe una certa firma spettrale .
  • Sostanze inquinanti. "Abbiamo fatto molta strada per capire come potremmo rilevare la vita su altri mondi dai gas presenti nelle atmosfere di quei mondi", ha affermato Jason Wright, professore di astronomia e astrofisica alla Penn State University. Sulla Terra, siamo in grado di rilevare sostanze chimiche nella nostra atmosfera dalla luce che esse assorbono. Il team si focalizzerà sulle sostanze artificiali come i cloroflourocarburi (CFC) che un tempo usavamo come refrigeranti.

Le informazioni saranno raccolte in una biblioteca online di tecnosignature che gli astrofisici potranno consultare come strumento comparativo.

Altre informazioni su questo articolo

Read 290 times Ultima modifica Sabato, 20 Giugno 2020 06:28
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

HOT! Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 18/9/20). Le manovre della sonda am...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 16/9 - Sol 641] - Meteoro...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 16 Settembre [Last upd...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 16 Settembre [Last upd...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista