Scritto: Mercoledì, 06 Maggio 2020 15:04 Ultima modifica: Mercoledì, 06 Maggio 2020 21:49

Scoperto un buco nero a 1000 anni luce dalla Terra


Seguendo il moto di due stelle visibili dalla Terra anche ad occhi nudo, un team di astronomi dell'ESO ha scoperto l'esistenza di un buco nero che attualmente risulta essere il più vicino al nostro Sistema Solare.

Rate this item
(2 votes)
La curva di velocità radiale della componente più vicina al buco nero nel sistema triplo, una gigante blu di tipo B3. I dati sperimentali sono rappresentati dalle croci nella porzione inferiore (in nero i valori basati sullo spostamento Doppler della riga He I a 4026 Å, in rosso dalla riga Mg II a 4481Å); la sinusoide blu interpola i dati con una ampiezza di 63 km/s. Il discostamento tra questa curva e i dati è mostrato come residuo nella figura in alto (stessa scala). La curva di velocità radiale della componente più vicina al buco nero nel sistema triplo, una gigante blu di tipo B3. I dati sperimentali sono rappresentati dalle croci nella porzione inferiore (in nero i valori basati sullo spostamento Doppler della riga He I a 4026 Å, in rosso dalla riga Mg II a 4481Å); la sinusoide blu interpola i dati con una ampiezza di 63 km/s. Il discostamento tra questa curva e i dati è mostrato come residuo nella figura in alto (stessa scala). Credits: Rivinius et al. (Astronomy & Astrophysics) - Re-edited with improvements by Marco Di Lorenzo

 La squadra stava osservando il sistema HR 6819, a soli 1000 anni luce dalla Terra nella costellazione del Telescopio visibile dall'emisfero meridionale, nell'ambito di uno studio sui sistemi stellari doppi. Analizzando i dati, ha notato che una delle due stelle orbitava attorno ad un oggetto invisibile ogni 40 giorni.

 "Siamo rimasti veramente sorpresi quando ci siamo resi conto che questo è il primo sistema stellare con un buco nero che si può vedere ad occhio nudo", ha affermato nella press release Petr Hadrava, scienziato emerito dell'Accademia delle Scienze della Repubblica Ceca a Praga e coautore della ricerca pubblicata su Astronomy & Astrophysics"Questo sistema contiene il buco nero più vicino alla Terra di cui siamo a conoscenza", ha commentato Thomas Rivinius, primo autore del documento.

Map

Il grafico mostra l'ubicazione del sistema triplo HR 6819, che contiene il buco nero più vicino alla Terra, nella costellazione del Telescopio.La mappa mostra la maggior parte delle stelle visibili a occhio nudo in buone condizioni osservative e il sistema stesso è contrassegnato da un cerchio rosso.Anche se il buco nero è invisibile, le due stelle in HR 6819 possono essere viste, dall'emisfero meridionale, in una notte scura e serena anche senza l'ausilio di un binocolo o di un telescopio - Crediti: ESO, IAU and Sky & Telescope

 Finora gli astronomi hanno individuato solo due dozzine di buchi neri nella nostra galassia, grazie alle loro potenti emissione di raggi X dovute alle forti interazioni con l'ambiente circostante. Ma il buco nero nascosto in HR 6819 è uno dei primissimi buchi neri di massa stellare che non influenza violentemente il sistema in cui si trova e, quindi, è un oggetto veramente nero.
Il team è riuscito a scovarlo ed a calcolarne la massa, studiando l'orbita della stella più interna della coppia con il telescopio da 2,2 metri dell'MPG/ESO che si trova all'Osservatorio dell'ESO di La Silla in Cile.
"Un oggetto invisibile con una massa almeno 4 volte quella del Sole non può che essere un buco nero", ha spiegato Rivinius.

 La scoperta, non solo potrebbe far chiarezza su altri sistemi stellari nei quali sono state notate anomalie ma dimostra anche che potrebbero esistere molti altri buchi neri silenziosi ed invisibili nella Via Lattea. “Devono esserci centinaia di milioni di buchi neri là fuori, ma ne conosciamo solo pochissimi. Sapere cosa cercare dovrebbe metterci in una posizione avvantaggiata per trovarli”, ha aggiunto Rivinius "stiamo vedendo solo la punta di un emozionante iceberg".

Altre informazioni su questo articolo

Read 288 times Ultima modifica Mercoledì, 06 Maggio 2020 21:49
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

1 commento

  • Comment Link Massimo Martini Mercoledì, 06 Maggio 2020 19:15 posted by Massimo Martini

    Ho rivisto Interstellar due sere fa... un buco nero così 'vicino' è veramente una scoperta incredibile!
    Fra l'altro in un sistema stabile e visibile ad occhio nudo...

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 9/7/20 - Sol 574] - Meteo...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 24/6/20). Le manovre della sonda am...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista