Scritto: Martedì, 17 Dicembre 2019 15:41 Ultima modifica: Mercoledì, 25 Dicembre 2019 16:13

2i/Borisov dopo il perielio


Breve aggiornamento sulla cometa interstellare a 9 giorni dal passaggio alla minima distanza dal Sole. Hubble ha scoperto che il suo nucleo è sorprendentemente piccolo. Aggiornamento!

Rate this item
(0 votes)
Due immagini recenti della cometa interstellare riprese con Hubble Space Telescope e processate per rimuovere la rumorosità su piccola scala. Due immagini recenti della cometa interstellare riprese con Hubble Space Telescope e processate per rimuovere la rumorosità su piccola scala. Credits: NASA, ESA and D. Jewitt (UCLA) - Processing: Marco Di Lorenzo

 Modificati alcuni valori (evidenziati in rosso) sulla base delle nuove effemeridi pubblicate il 23 dicembre, significativamente più precise delle precedenti.

 Al "giro di boa" della 2I/Borisov avevamo dedicato una "Immagine del giorno" lo scorso 8 dicembre, quando la cometa interstellare giunse al perielio; adesso, sulla base delle ultime "effemeridi" calcolate ieri, sappiamo che l'evento si è verificato alle ore 13:29:31 di Tempo Universale, a una distanza di 300190110 km dal centro del Sole e ad una velocità relativa di ben 43890,8 m/s (circa 158007 km/h); va detto che questi valori sono in realtà ancora piuttosto incerti, come vedremo tra poco.

 Le ultime effemeridi sono state calcolate sulla base di 1146 osservazioni astrometriche, su un intervallo di tempo che, per la prima volta, ha superato la lunghezza di un anno (per la precisione 374 giorni, dal 13/12/18 al 22/12/19). L'evoluzione del numero di osservazioni e del livello di accuratezza della cosiddetta "orbita osculatrice" è mostrato dai seguenti grafici aggiornati e va rimarcato il fatto che, curiosamente, il Minor Planet Center dell'Unione Astronomica Internazionale non ha più aggiornato l'orbita, da ormai un mese a questa parte.

orb 1912

In alto a sinistra il numero di osservazioni utilizzate nel determinare l'orbita da parte del JPL/SDSS (in blu) e da parte di IAU/MPEC (in rosso); a destra, il valore dell'ecceitricità con le fasce di incertezza e, in basso, analoghi grafici sul momento del perielio e sulla inclinazione orbitale - Source: JPL/IAU - Data processing/plots: Marco Di Lorenzo.

 Sulla base delle effemeridi appena pubblicate dal JPL, risulta che i termini "non gravitazionali" dovuti all'azione dei gas emessi sul moto della cometa sono piccoli ed ancora piuttosto incerti; in effetti, le componenti radiale e trasversale di tali accelerazioni sono ancora decisamente "ballerine" e poco sicure dato che il loro valore stimato è comparabile con l'incertezza (il cosiddetto valore "1 sigma"); soltanto la componente "normale" al piano dell'orbita è nota con una incertezza minore, anche se ancora elevata, ed ammonta a (-11,8±1,8)·10-8 unità astronomiche al giorno per giorno, dunque una variazione di velocità minuscola di circa 1 m/s ogni 5 giorni; le tre componenti non gravitazionali, se sommate vettorialmente, ammontano a circa 1,3·10-7 au/giorno ogni giorno e, naturalmente, andranno tutte a scemare ora che la cometa si sta allontanando dal Sole. Per effetto di queste spinte non gravitazionali, si stima che la cometa lascerà il sistema solare con una velocità quasi 18 m/s più bassa di quella con cui è arrivata; più precisamente, la velocità di arrivo era di 32305,0 m/s e quella di uscita sarà 32287,2 m/s; tuttavia, ancora una volta, questi sono valori nominali e l'incertezza sul primo valore è 0,8 m/s mentre quella sulla velocità finale è 1,1 m/s, con un livello di confidenza del 90%. La situazione migliorerà decisamente quando avremo molte più osservazioni nella fase post-perielio, tra qualche mese.

 Passando agli ultimi sviluppi, non possiamo esimerci dal commentare le nuove immagini riprese dal telescopio spaziale Hubble e mostrate in apertura. Quella a sinistra, ripresa un mese fa, mostra la cometa molto vicina ad una galassia sullo sfondo, denominata 2MASX J10500165-0152029; la diversa colorazione dei due oggetti è artificiale e non reale, al solo scopo di distinguerli meglio; all'epoca, Borisov distava 330 milioni di km dalla Terra. La seconda immagine è stata invece ripresa poco dopo il perielio ma la cometa non mostra grandi differenze rispetto a 23 giorni prima, a parte un lieve aumento di dimensioni apparenti (la distanza da noi era scesa a meno di 298 milioni di km) e di luminosità.

 Peraltro, analizzando queste immagini, è stato possibile ricavare quello che finora è il limite superiore più stringente sulle dimensioni effettive del nucleo cometario e il risultato è alquanto sorprendente. Come ha spiegato David Jewitt, professore di scienze planetarie e astronomia dell'UCLA, "Sorprendentemente, le nostre immagini di Hubble mostrano che il suo nucleo è più di 15 volte più piccolo di quanto suggerito dalle precedenti indagini, inferiore a mezzo chilometro. Conoscere le dimensioni è potenzialmente utile per iniziare a stimare quanto siano comuni tali oggetti nel sistema solare e nella nostra galassia. Borisov è la prima cometa interstellare conosciuta e vorremmo sapere quante altre ce ne sono".

Riferimenti:
https://www.nasa.gov/feature/goddard/2019/interstellar-comet-2iborisov-swings-past-sun/

Altre informazioni su questo articolo

Read 597 times Ultima modifica Mercoledì, 25 Dicembre 2019 16:13
Marco Di Lorenzo (DILO)

Sono laureato in Fisica e insegno questa materia nelle scuole superiori; in passato ho lavorato nel campo dei semiconduttori e dei sensori d'immagine. Appassionato di astronautica e astronomia fin da ragazzo, ho continuato a coltivare queste passioni sul web, elaborando e pubblicando numerose immagini insieme al collega Ken Kremer. E naturalmente amo la fantascienza e la fotografia!

https://www.facebook.com/marco.lorenzo.58 | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista