Scritto: Martedì, 01 Agosto 2017 05:43 Ultima modifica: Martedì, 01 Agosto 2017 09:57

Il pianeta extrasolare Proxima b è meno ospitale del previsto


Secondo un recente studio pubblicato sulla rivista Astrophysical Journal Letters, l'esopianeta che orbita nella fascia abitabile della stella Proxima Centauri, a soli 4,2 anni luce da noi, potrebbe non essere in grado di mantenere un'atmosfera lasciando la superficie esposta alle radiazioni stellari con gravi implicazioni sul potenziale di abitabilità.

Rate this item
(0 votes)
Il pianeta extrasolare Proxima b è meno ospitale del previsto Crediti: NASA’s Goddard Space Flight Center/Mary Pat Hrybyk-Keith

Proxima b è stato scoperto da un team internazionale di scienziati, guidato da Guillem Anglada-Escudé della Queen Mary University di Londra.
Non fu visto con il metodo del transito ma rilevando le piccole oscillazioni gravitazionali indotte nella stella ospite con l'Ultraviolet and Visual Echelle Spectrograph (UVES) e il High Accuracy Radial velocity Planet Searcher (HARPS), entrambi sono installati e gestiti dall'European Southern Observatory (ESO) in Cile. Ciò significa che gli scienziati non hanno potuto studiare direttamente la sua atmosfera, ricavando le relative proprietà fisiche dall'analisi spettrale della luce della stella che vi passa attraverso ma si sono dovuti basare su modelli matematici.

In una delle simulazioni, la Terra è stata posizionata attorno a Proxima Centauri nella stessa orbita di Proxima b, tenendo però conto del campo magnetico e della gravità dell'esopianeta.
Calcolando la quantità media di radiazioni emesse dalla stella, basate sui dati rilevati dall'osservatorio a raggi X Chandra,

i dati hanno dimostrato che l'atmosfera terrestre non sarebbe sopravvissuta a lungo nella fascia abitabile della nana rossa che sperimenta frequenti e potenti brillamenti.

 "Abbiamo deciso di prendere l'unico pianeta abitabile che conosciamo, la Terra, e di metterlo nella stessa posizione di Proxima b", ha spiegato nel report Katherine Garcia-Sage, scienziato del Goddard Space Flight Center della NASA ed autrice principale del documento.

La radiazione ultravioletta ad alta energia emessa dalla stella, centinaia di volte più potente rispetto a quella sperimentata dalla Terra e proveniente dal Sole, sarebbe in grado di strappare non solo le molecole più leggere come l'idrogeno ma anche le più pesanti, come l'ossigeno e l'azoto:

su Proxima b il processo di erosione atmosferica sarebbe 10.000 volte più veloce di quello che opera sulla Terra.

E questo, spiega Garcia-Sage, è solo un calcolo basato sull'attività della stella ospite ma la situazione sarebbe ancora meno ospitale perché non sono stati presi in esame gli eventi più estremi o i violenti disturbi stellari al campo magnetico dell'esopianeta.

Calcolando l'aumento delle temperature nella termosfera del pianeta con il conseguente aumento della velocità di fuga delle particelle ed ipotizzando un campo magnetico aperto ai poli, dove si andrebbe a creare un percorso unidirezionale verso lo spazio, il team ha stimato che

Proxima b potrebbe perdere un importo pari all'intera atmosfera terrestre in 100 milioni di anni

che è solo una piccola parte della vita dell'esopianeta stimato di 4 miliardi di anni.

In condizioni migliori (temperature più basse e campo magnetico chiuso) il processo impiegherebbe oltre 2 miliardi di anni e sarebbe, in ogni caso, troppo veloce per sperare nella vita.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1798 times Ultima modifica Martedì, 01 Agosto 2017 09:57
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista