Scritto: Sabato, 07 Gennaio 2017 10:56 Ultima modifica: Sabato, 07 Gennaio 2017 14:09

Hubble osserva possibili esocomete attorno alla stella HD 172555


Il telescopio spaziale Hubble, nonostante gli anni, continua la sua gloriosa missione costellata di scoperte. Questa volta ha analizzato le attività insolite attorno a HD 172555, una giovane stella di soli 23 milioni di anni a 95 anni luce dalla Terra.

Rate this item
(0 votes)
Hubble osserva possibili esocomete attorno alla stella HD 172555 Crediti: NASA, ESA, A. Feild and G. Bacon (STScI)

Le informazioni spettrali rilevate dal telescopio indicano la probabile presenza di esocomete molto (troppo!) vicine alla stella.

Le comete al di fuori del nostro Sistema Solare non sono mai state osservate direttamente ma gli scienziati hanno più volte identificato tracce di gas riconducibili alle chiome o a nuclei vaporizzati.
Quello di HD 172555 è il terzo sistema in cui sono state individuate.
Fa parte dell'Associazione di Beta Pictoris, una costellazione di astri nati dallo stesso vivaio stellare ed è il secondo membro del gruppo, oltre a Beta Pictoris, in cui sono state trovate esocomete.

Questi oggetti, il cui triste destino è segnato, potrebbero rivelarsi utili per comprendere come le comete si sono comportate anche nel giovane Sistema Solare.
La loro traiettoria spacciata, che le spinge ad essere catturate dalla stella, è inoltre indice di una certa "agitazione gravitazionale", forse dovuta ad un pianeta delle dimensioni di Giove un po' più in là.

Le comete radenti ("sun-grazing comet") sono presenti anche nel nostro Sistema Solare:
"tutto lascia pensare che questa attività sia comune nei giovani sistemi stellari", ha dichiarato Carol Grady, dell'Eureka Scientific Inc. e Goddard Spaceflight Center della NASA.
"Questa attività al suo apice è rappresentativa dell'attività di una giovane stella", ha aggiunto. "Tali eventi ci forniscono una visione di quello che probabilmente è successo anche nel giovane Sistema Solare, quando le comete hanno investito i pianeti interni compresa la Terra. Queste sono comete che potrebbero portare la vita perchè contengono l'acqua ed altri elementi fondamentali, come il carbonio, sui mondi rocciosi".

Le esocomete di HD 172555 furono scoperte da un gruppo di astronomi francesi nei dati raccolti tra il 2004 ed il 2011 dallo spettrometro HARPS (High Accuracy Radial velocity Planet Searcher) dell'European Southern Observatory.
HARPS aveva rilevato le impronte digitali del calcio impresse nella luce della stella, prova che stava divorando oggetti cometari. Le osservazioni di Grady del 2015, con Hubble, sono state quindi di follow-up.
Il telescopio spaziale poteva avere una chiara visione della stella, leggermente inclinata dalla sua visuale. Gli spettri hanno mostrato tracce di silicio e carbonio in una nuvola gassosa in movimento a circa 580.000 chilometri davanti alla stella. La spiegazione più probabile è che Hubble stesse osservando una scia di detriti prodotta dalla disintegrazione delle comete.

Ora il team spera di poter proseguire con le osservazioni: trovare anche ossigeno ed idrogeno permetterebbe di confermare la natura degli oggetti distrutti.

Altre informazioni su questo articolo

Read 1282 times Ultima modifica Sabato, 07 Gennaio 2017 14:09
Elisabetta Bonora

Sono una image processor e science blogger appassionata di astronomia, spazio, fisica e tecnologia, affascinata fin da bambina dal passato e dal futuro.
Nella vita lavorativa mi occupo di web, marketing e comunicazione, digital marketing.
Dedico il tempo libero alla mia dolcissima bimba Sofia Vega, a questo sito (creato nel 2012 in occasione dello sbarco del rover Curiosity su Marte) ed al processing delle immagini raw scattate dalle sonde e dai rover inviati nel nostro Sistema Solare "per esplorare nuovi mondi, alla ricerca di nuove forme di vita, per arrivare là dove nessuno è mai giunto prima!" ...Ovviamente, è chiaro, sono una fan di Star Trek!

https://twitter.com/EliBonora | Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Ultimo aggiornamento: 30 Settembre. Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla...

StatisticaMENTE

COVID-19 update

COVID-19 update

Periodico aggiornamento sulla curva di contagio in...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 29 Settembre [updated on S...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 28/9 - Sol 653] - Meteoro...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 28 Settembre [Last upd...

Mars Attacks!

Mars Attacks!

Dove si trovano le tre sonde lanciate a Luglio e d...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista