Scritto: Sabato, 17 Novembre 2012 20:59 Ultima modifica: Domenica, 18 Novembre 2012 06:11

I canaloni di Marte modellati dall'acqua come nelle Svalbard


Mentre Marte diventa sempre di più un ambiente quasi ospitale, lo studio di un team di ricercatori della University of Gothenburg in Svezia, in collaborazione con il Germany Aerospace Center (DLR) di Berlino, suggerisce che alcune zone del Pianeta Rosso potrebbero essere state modellate da acqua allo stato liquido in tempi recenti, li che potrebbe indicare condizioni più favorevoli alla vita.

Rate this item
(0 votes)

Marte mappa

"Courtesy NASA/JPL/University of Arizona" processing by 2di7 & titanio44

Mentre Marte diventa sempre di più un ambiente quasi ospitale, lo studio di un team di ricercatori della University of Gothenburg in Svezia, in collaborazione con il Germany Aerospace Center (DLR) di Berlino, suggerisce che alcune zone del Pianeta Rosso potrebbero essere state modellate da acqua allo stato liquido in tempi vicini, li che potrebbe indicare condizioni più favorevoli alla vita.

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista ICARUS.

Vaste zone dell’emisferi nord e sud del Pianeta Rosso si sono congelate e scongelate diverse volte nella loro recente storia geologica, con similitudini impressionanti con il territorio delle Svalbard.

Il processo di analisi delle immagini orbitali di Marte è stato combinato con studi simili nell’ambiente dell'arcipelago artico. Nonostante il clima delle Svalbard sia "più mite" rispetto a quello marziano, il paesaggio mostra incredibili analogie con il Pianeta Rosso.

Una importantissima caratteristica comune è la presenza di permafrost e acque sotterranee congelate.

“Nel mio lavoro ho comparato le immagini aeree delle Svalbard con le immagini alla stessa risoluzione di Marte e, combinando il lavoro sul campo, abbiamo aumentato ancora di più la risoluzione al suolo”, spiega Andreas Johnsson del Dipartimento di Scienze della Terra dell’University of Gothenburg, che lavora insieme ai ricercatori planetari della Germania.

Dopo aver studiato centinaia di calanchi su Marte ed averli confrontati con quelli delle Svalbard, i ricercatori hanno trovato la prova che i canaloni di Marte si sono formati dalla neve che si scioglie e dall'erosione dell’acqua.

“La possibilità di avere un’esperienza di prima mano con formazioni che sono state studiate analizzando immagini satellitari, è una sensazione unica. Una conoscenza importante che abbiamo acquisito è che, nonostante le immagini siano ad alta risoluzione, sia per le Svalbard che per Marte, la fotocamera non è in grado di catturare tutto. Ciò che sembra essere un sedimento a grana fine su un’immagine aerea delle Svalbard, può invece rilevarsi una zona molto rocciosa che ha implicazioni con alcuni tipi di morfologia. Questo è importante da tenere a mente quando si studiano le immagini di Marte.”

Dal momento in cui Marte ha un clima ciclico, le stesse condizioni potrebbero ripetersi nel futuro.

L’acqua allo stato liquido è un elemento essenziale per la vita.
“La ricerca sulla Terra ha dimostrato che alcuni organismi sono in grado di sopravvivere in ambienti estremamente freddi con accesso limitato all’acqua liquida”, conclude Johnsson.

Maggiori informazioni: Is there life on Mars?

Read 2038 times Ultima modifica Domenica, 18 Novembre 2012 06:11
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Seguici!

Newsletter

Abilita il javascript per inviare questo modulo

Immagine del giorno

NEO news

NEO News

Notizie e aggiornamenti sugli asteroidi che passano vicini a noi, sulla loro catalogazione e...

StatisticaMENTE

ISS height

ISS height

Aggiornamento del 13 Luglio [Last update...

Insight statistics

Insight statistics

[aggiornato al 12/7/20 - Sol 577] - Mete...

OSIRIS REx operations

OSIRIS REx operations

(aggiornato il 11/7/20). Le manovre della sonda am...

Curiosity odometry

Curiosity odometry

Aggiornato il 10 Luglio [updated on Jul...

HST orbit

HST orbit

Aggiornamento del 9 Luglio [Last update:...

[LIBRO] Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno

Con la Cassini-Huygens nel sistema di Saturno di Elisabetta BonoraLa pubblicazione ripercorre le gesta della missione interplanetaria NASA / ESA / ASI Cassini–Huygens, che esplorò Saturno e le sue lune dal 2004 al 2017. Le principali fasi del progetto, del lungo viaggio durato sette anni e della missione ultradecennale sono raccontate con semplicità e passione allo scopo di divulgare e ricordare una delle imprese spaziali robotiche più affascinanti ideate dall’uomo. Le meravigliose foto scattate dalla sonda nel sistema di Saturno, elaborate e processate dall’autrice, sono parte centrale della narrazione. Immagini uniche che hanno reso popolare e familiare un angolo remoto del nostro Sistema Solare. 244 pagine.

Acquista