Print this page
Scritto: Giovedì, 08 Novembre 2012 05:41

HD 40307g, la super Terra aliena abitabile


Dopo la recente sensazionale scoperta di un pianeta nel sistema Alpha Centauri, gli astronomi hanno individuato un altro pianeta alieno che potrebbe sostenere la vita come la conosciamo, ad un passo da casa nostra!

La super Terra, chiamata HD 40307g, si trova all’interno della zona abitabile della sua stella, nel punto giusto per poter avere acqua allo stato liquido sulla superficie.

Rate this item
(0 votes)

Super Terra HD40307g

CREDIT: J. Pinfield, for the RoPACS network at the University of Hertfordshire.

Dopo la recente sensazionale scoperta di un pianeta nel sistema Alpha Centauri, gli astronomi hanno individuato un altro pianeta alieno che potrebbe sostenere la vita come la conosciamo, ad un passo da casa nostra!

La super Terra, chiamata HD 40307g, si trova all’interno della zona abitabile della sua stella, nel punto giusto per poter avere acqua allo stato liquido sulla superficie.

Si trova a soli 42 anni luce da noi e questo significa che i futuri telescopi potranno catturarne direttamente immagini dettagliate.

“L’orbita più lunga del nuovo pianeta significa che potrebbe sostenere un clima e un’atmosfera giusta per la vita”, ha detto in un comunicato Hugh Jones, dell’University of Hertfordshire in Inghilterra. “Questo pianeta o qualsiasi sua luna giacciono in un’orbita simile a quella della Terra, aumentando la probabilità che sia abitabile”.

HD 40307g è uno dei tre mondi recentemente scoperti intorno alla stella HD 40307 che era nota già per ospitare tre pianeti: in tutto, questo sistema solare risultata per ora popolato da sei pianeti.

La stella HD 40307 è leggermente più piccola e meno luminosa del nostro Sole, si trova nella costellazione del Pittore, a nord-ovest di α Pictoris, sud-ovest di Canopo e a sud-est di β Pictoris..

I tre primi pianeti individuati, HD 40307b, HD 40307c, HD 40307d, sono delle super Terre più massicce della nostra, che comunque ruotano troppo vicino alla loro stella per poter sostenere acqua allo stato liquido.

Nel nuovo studio, il team ha analizzato ancora i dati rilevati tramite lo High Accuracy Radial velocity Planet Searcher (HARPS) dell’European Southern Observatory telescope del La Silla Observatory in Chile. Lo strumento consente agli astronomi di raccogliere le piccole oscillazioni gravitazionali che un pianeta induce nella sua stella madre. Nuove tecniche di analisi hanno poi permesso la rielaborazione delle informazioni disponibili, consentendo di individuare le altre tre super Terre, di massa pari a sette volte quella terrestre.

“HD 40307g può essere un pianeta roccioso come la Terra”, ha detto Mikko Tuomi, sempre dell’University of Hertfordshire.

E’ il più esterno del sistema di sei pianeti conosciuti ed orbita ad una distanza media di 90 milioni di chilometri dalla sua stella (la distanza Terra – Sole è di circa 150 milioni di chilometri).

Gli altri due pianeti identificati sono invece forse troppo caldi per sostenere la vita come la conosciamo. Mentre HD 40307g, che ovviamente sarà il candidato migliore per i prossimi studi, si trova comodamente al centro della fascia abitabile.
Inoltre, HD 40307g sembra non essere in rotazione sincrona con la sua stella (come ad esempio, la nostra Luna con la Terra) e quindi, dovrebbe avere un normale ciclo diurno / notturno.

Il nuovo studio è stato pubblicato sulla rivista Astronomy & Astrophysic.

Read 3266 times
Alive Universe

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.